Torcello ovvero la laguna non è un luogo, è una setta

La laguna non si spiega, bisogna starci. Quelli che dicono che è un mondo a sé non dicono il vero: è un mondo altro. Dire che è un confine fra terra e acqua è tradirla. La laguna non è un confine, mai, perché  quello che manca è proprio il limite del definito. È il luogo […]

Vicenza o l’eterno flusso della storia

Vicenza è una città placida, come la campagna grassa che la circonda. Quando ci venni ad abitare da piccola, la sua tranquillità fu la prima cosa che mi colpì. Noi che veniamo dal mare siamo sempre nervosi e insofferenti, come le onde non riusciamo mai a trovare una vera quiete. Vicenza invece è una città […]

Il Santo ! Il Santo!

Siccome ormai si vive fra un temporale e l’altro, organizzare il weekend è un serio problema. O resti appostata come un centometrista sul filo della partenza, con la borsa da mare sempre pronta a scattare per cogliere, orazianamente,  l’attimo, oppure ti arrendi e decidi che giugno non collabora, per cui l’unica è andare a visitare […]

L’orgoglio veneziano (ai tempi di Brugnaro)

Siccome Spinola è Spinola, e cioè un buchetto di campagna che alle volte persino il Padreterno, se gli chiedono dove l’ha messo, ci deve pensare un attimo, e siccome però Spinola è sempre stata ai confini con Venezia, appiccicata appiccicata, che se ti distrai un attimo, per dire, manco ti accorgi che è finito il […]

Come veneto a primavera

Ripubblico oggi l’articolo apparso ieri, che WordPress pare si sia “mangiato” stanotte, facendolo scomparire. Oppure era un hacker della Lega che non vuole si sappia che noi Veneti passiamo il tempo cazzeggiando al bar, non so.  C’è il sole. Ti stupisce sempre il Veneto, quando c’è il sole. Per quella luce che piove dal cielo […]

La ceretta di Angela Merkel

Ecco, per dire, signora Moretti, io ho come l’impressione che se un giornalista, per quanto scalcagnato, si trovasse a poter intervistare una vera donna di potere, tipo la Merkel, non credo che le chiederebbe quante volte va dal parrucchiere o dall’estetista. E non solo perché la Merkel magari non è proprio una bellezza sfolgorante, ma […]

Zaia, la pioggia e i buchi neri

Il geniale governatore del Veneto, Luca Zaia, intende indire una crociata contro i siti meteo, colpevoli di diffondere previsioni che dicono che sul Veneto, di tanto in tanto, piove. Le loro previsioni sarebbero la causa del calo del turismo, perché la gente, leggendole, è conscia che rischia di prendere un acquazzone, e quindi decide di […]

Il creatore di liste civiche

A Ghino, che è sempre incuriosito dalle maschere della politica locale Egidio Bossolon è un professionista. Nel suo settore d’interesse vanta un’esperienza pluriennale, una competenza specifica riconosciuta e successi verificabili dati alla mano. Il problema, semmai, è riuscire a definire esattamente il suo mestiere. Egidio Bossolon, infatti, non è mai stato chiaro a nessuno, a […]

La crisi e il centro commerciale

Vado al centro commerciale di fretta, perché l’unico motivo per cui di solito vado al centro commerciale è perché mi si è rotto qualcosa del computer, e infatti mi si è rotto l’hard disk esterno. Quando arrivo c’è la desolazione che trasuda dai capannoni. Tutta lì, in mezzo al piazzale quasi vuoto di macchine, che […]

Il sindaco Taragnin e gli appalti che non sono beneficenza

Piove. Viene giù un’acqua, ma un’acqua che sbatte come un mitraglia sui vetri delle finestre del Municipio e il Sempresindaco Taragnin, di solito così sensibile a tutti i rumori di fondo – tanto che i collaboratori han l’ordine di girare le pagine tutte assieme quando sono in riunione – normalmente starebbe già gracchiando che non […]

I topi e la nave: imperi che scricchiolano e fedeltà al padrone a Spinola

Ora che l’impero Crespano scricchiola, a Spinola i cigolii si sentono ovunque, figuriamoci se non echeggiano nelle palazzine di Anselmo Pedron, che già di loro, quanto a crepe ed infiltrazioni, son ben messe in partenza. Il buon Anselmo dei Crespano è sempre stato factotum e prestanome, nel senso che dove non potevano apparire loro con […]

Quel gran genio del Calderoli (piccolo blues del Veneto indipendente o quasi)

Quei gran geni dei Leghisti hanno abolito col decreto “taglianorme” di Calderoli l’annessione del Veneto all’Italia. Peccato che con lo stesso decreto abbiano però tolto la giurisdizione al Comune di Venezia sul Canal Grande. Quindi, genti venete, sappiatelo: tecnicamente siamo indipedenti, e possiamo quindi fare quel che ci pare sul nostro territorio. Tranne che andare […]

Piove governo escort

Berlusconi promette: “Per il Veneto, aiuti sostanziosi ed immediati.” Le belle ragazze diciottenni le ospita subito tutte a casa sua. Federalismo applicato: per rinforzare gli argini dei fiumi in piena a Padova, si potrebbero usare i sacchetti di monnezza di Napoli. Pensate la sfiga di Bertolaso: va in pensione proprio adesso che di fango per […]

Giovani leghisti crescono. Mutazioni antropologiche e sezioni padane alla periferia dell’impero

L’arrivo a Spinola del nuovo Segretario della Lega è stato vissuto da tutti gli iscritti ed i simpatizzanti con una punta d’ansia. Intanto perché a Spinola la Lega un Segretario vero e proprio non l’ha mai avuto. Certo, c’era Telmo Piovego, ma Telmo segretario del partito non era stato eletto, ci si era ritrovato per […]

Ci vuole più meritocrazia, ci vuole.

La signora è seduta accanto a me, assieme ad una sua amica, e aspetta pazientemente il suo turno. Mentre aspetta, con sulle ginocchia aperto un numero di qualche rivista di gossip, parla. “Eh – commenta indicando la foto di un ministro o di un altomanager che non identifico, accompagnato da una sventola a me parimenti […]

La lingua perduta degli elettori (veneti)

“Memo, ma ti ti parli veneto a casa?” “Eh ciò, cossa ti vol che parla?” “E ti voti par Bossi?” “Ma ti me tol par el culo?” A beneficio della Lega Nord abbiamo trasmesso il programma “No basta parlar dialeto par esser Leghisti!”

Balconet: L’integrazione fra internet e reti locali comincia a dare i suoi frutti

A Giorgio Jannis “Siora Carla, la mete fora la roba che la se suga?” “Eh, sì.” “No, par carità, che me g’ha ciamà sul compiuter desso me fia da Bibione, ghe xé un nero che mai, fra poco piove…” “Ah grassie, alora no la stendo…” Il futuro dell’informazione è nell’integrazione fra internet e balconet.

Il bus e il mondo

Sul bus c’è un consiglio generale delle Nazioni Unite: marocchini, cingalesi, senegalesi, slavi di tutta l’ex cortina di ferro, badanti russe che parlano al telefonino con la patria lontana, indiane eleganti nel loro sari con pargoletti in passeggino. Nessuno mi dedica un sguardo, perché sono tutti di ritorno dal lavoro o vanno a casa, e […]