Il secondo libro è come un bebè (Famiglie librarie non tradizionali)

Il secondo libro, ti dicono tutti, è più difficile del primo. Perché pensi di essere abituata. Poi il primo lo scrivi così, per provare se ti riesce davvero. Quindi, paradossalmente, sei più rilassata; se non va pazienza, vuol dire che non lo sai fare. Il secondo, invece, lo sai che lo sai fare: c’è lì […]

Socrate, il re dei troll

Lo dice anche Platone, e se lo ammette lui, che era il suo allievo prediletto e fedelissimo, c’è da credergli. Socrate era un mostro. Brutto di una bruttezza brutta che, ad incrociarlo per strada, faceva spavento. Grasso, basso, calvo, tarosso, con il ventre prominente, le gambette tozze ed arcuate: un nano da giardino obeso, un […]

Se Alcibiade avesse avuto Twitter

Lui era sempre stato così. Uno che quello che voleva, lo riusciva ad ottenere sempre. Non importava come. Di solito, il metodo più semplice, però, era riuscire a convincere qualcun altro a farlo. Era così, Alcibiade: il più bello dei Greci, dicevano gli antichi, ma soprattutto quello che più di tutti aveva il dono di […]

Comunisti immaginari e socratici reali

    A Lameduck, che ha analizzato la cosa meglio di me e per questo s’è beccata insulti nei commenti.   Non ho mai pensato che Fabio Volo fosse una delle cime del pensiero occidentale: mi riuscirebbe difficile credere che sia persino una collinetta. Seguendolo di tanto in tanto, penso che non si ritenga tale […]