I Medici, ovvero dateci il Rinascimento non una puntata noiosa del Grande Fratello

Ieri sera ho guardato la prima puntata della seconda serie dei Medici, su Raiuno. Nella speranza che magari, viste le critiche mosse alla prima serie di questo inguardabile polpettone in costume, uno sceneggiatore animato da buone intenzioni ci avesse messo mano. No. È sempre un polpettone inguardabile, una specie di Un posto al sole in […]

I Medici. Ovvero del perché bisognerebbe smetterla di inventare trame per i serial e raccontare la Storia com’è.

Fatemi capire un momento. Tu, sceneggiatore televisivo a cui hanno detto che devi tirare fuori una serie che appiccichi al video le torme delle genti abituate a Games of Thrones, hai una intuizione folgorante: fare un serial sui Medici. Te lo riconosco, è una botta di furbizia che rasenta il genio. Per fare successo, c’è […]

Telecomandi cattolici (Games of remote control)

Pare che una associazione cattolica, con vibrate e vibranti proteste, sia riuscita sfar togliere dalla programmazione di Rai4 la serie fantasy Games of Thrones, che conteneva scene troppo spinte. Non si capisce perché l’associazione cattolica sia tanto impaurita dalla messa in onda di questa serie. Forse perché nel Vangelo non viene menzionato il telecomando, e […]

La giusta prospettiva

«Sai, mamma, pensa, mi hanno invitato a partecipare ad un programma alla Rai!» «E dove vai?» «Alla sede di Venezia, quella in campo San Geremia.» «Ah, ecco. Allora quando torni mi prendi il baccalà mantecato nella rosticceria là dietro, che lo fanno buono?» Mia madre, che sa sempre come rimettere le cose nella giusta prospettiva.

La tv e il cervello

“Se uno ha l’elettricità a casa, ragionevolmente ha anche una tv.” ha detto il ministro Paolo Romani, spiegando perché ha proposto di inglobare il canone Rai nella bolletta nella luce. Ministro Romani, mi scusi, ma mi sa che il ragionamento non regge: sarebbe come dire che tutti, per il solo fatto di possedere una scatola […]

Il disagio non viene via con me

A costo di diventare antipatica, ma antipatica forte, mi dispiace, però devo dirlo. Ieri sera, mossa da una sorta di dovere civico più ancora che di curiosità, ho visto il programma di Fabio Fazio e Roberto Saviano. E no, non mi è piaciuto. Nonostante alcuni singoli momenti fossero riusciti, e altri, anche se meno riusciti, […]

Voyager e il Prete Gianni: come si fa cultura in tv

A Elena Franco, Mastrangelina Marco e Wolly, e a tutti i compagni del gruppo di ascolto di Voyager Lo so che non lo dovrei fare, ma poi non resisto. Il Mercoledì sera guardo Voyager, perché, grazie alle nuove tecnologie, su Friendfeed abbiamo addirittura costituito un gruppo di ascolto fisso, in cui commentare in diretta, contorcendoci […]

La parabola di Mike

Già quando ero piccola, lo seguivano con affetto solo nonne e prozie. Per la generazione dopo, Mike era una già figura da indagine sociologica, quella pennellata da Umberto Eco nella sua Fenomenologia: Mike come esempio rassicurante di media banalità, il dio che dice ai suoi adoratori “Siate come siete”, e nessuna religione ha mai chiesto […]

A pensar male…

Fa freschetto, c’è temporale in giro, e sto guardando in tv, su La7, uno speciale per i trent’anni dalla morte dell’avvocato Ambrosoli. C’è tutto: Sindona, Calvi, il Banco Ambrosiano, la Mafia, Andreotti, il Porto delle Nebbie, l’ombra della P2: troppo per ragionarci qui, adesso, mentre il programma di La7 è in corso. Magari domani, con […]