Il portinaio del potere

Pare che le conversazioni segretissime di Bisignani (che gli consentivano di essere considerato un uomo chiave perché capace di conoscere tutti i retroscena del potere) consistessero in lunghi sfoghi telefonici in cui amici e conoscenti si lamentavano che il Governo è morto, tutti litigano con tutti, le veline promosse a Ministro sgomitano per farsi sposare, […]

Il potere che la bellezza non dà

Per anni ti sei chiesta chi te lo ha fatto fare. In fondo sei sempre stata una bella ragazza, e con una scollatura bene in vista ed un sorriso avresti potuto rigirarteli come volevi, gli uomini. Avresti potuto trovare facilmente un moroso ricco che ti sposava, o anche un amante ricco che ti metteva a […]

La fidanzata del Barone

A Ghino, che forse dovrà fornire a più d’una il numero di un bravo psicanalista Il foularino di Hérmes. È il suo biglietto da visita, assieme a quel lieve sentore di Chanel che la precede come un campanello di allarme, perché lo senti, e, pochi attimi dopo, ecco che compare lei. Li porta entrambi con […]

Tutta questa inutile bellezza

Non sono mai stata bella. Al massimo carina, piacente, graziosa. Il che mi ha consentito di ricevere complimenti, far girare la testa a qualcuno, talvolta, avere inviti a cena, storie, storielle, relazioni o week end di passione, flirt, come tutte le ragazze e poi le donne hanno nel corso della loro vita. Ma pur se […]

Se sono donne non è politica. Bruno Vespa e l’immaginario italico delle donne e del potere

Siccome ci son delle donne, allora non è politica. Bruno Vespa, onore al merito, va veramente ascritto fra i grandi italiani che riassumono in sé lo spirito del nostro paese. Perché nella nota vicenda della cena a casa sua in cui si è tentato di dare una svolta alla agonizzante maggioranza convocando allo stesso tavolo […]

Il Re Sole e le lampadine, ovvero Silvio e l’umana ingratitudine dei satelliti

Che poi io, a Berlusconi, questa volta lo capisco. Direi di più, quasi lo compatisco, addirittura. Ma come, porca paletta! Li ha tirati su dal niente, alcuni pescandoli fra le terze file così terze file della Prima Repubblica che manco i loro compagni di partito si erano mai accorti che c’erano. Li ha in pratica […]

Politici, escort e cortigiane, ritratto di una classe politica che non ha nemmeno un immaginario erotico come si deve

Che poi, quello che colpisce, in tutte queste storie di escort, politici ed intrallazzi di letto e denaro, non è l’andirivieni delle signorine dalle feste dei vip, dove diventavano un grazioso regalo al plenipotenziario, al ministro o al Premier del cui intervento si aveva bisogno, ma pure la tipologia delle signorine coinvolte. Belle ragazze, sì, […]

Simboli e immagini. Il sottile disagio del crocefisso.

Spiegarglielo è veramente difficile. Un po’ perché non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire. E un po’ perché più parli, più ti rendi conto che proprio non riescono a capire quale sia il problema vero, il nocciolo della questione. Quella sul crocefisso sembra una diatriba così, la solita polemicuzza di intellettuali troppo sottili, […]

La salute ed il potere

L’ospedale è una fuga di corridoi che si inseguono, si intorcolano, girano a gomito e poi sbucano in scale, scalette, scaloni che paiono ogni volta nuovi, tanto da chiederti se non siano come quelle della Hogwart di Harry Potter: come ti volti, cambiano disposizione. Il mio medico mi ci ha spedito per fare un esame, […]

La prima pietra

Almeno una volta al mese, è il nostro rito: Roberto su questo non transige. Il nostro pranzo del terzo giovedì è l’unica tradizione sacra che lui, agnostico su tutto, rispetti con religiosa convinzione. Ci conosciamo da diciotto anni: la nostra è una di quelle amicizie che hanno una data di inizio precisa, che si può […]

Il giovane leader

È la sera sbagliata per andare ad un incontro, lo so: ho già le scatole girate di mio, in più piove, in più ho un leggero malstare addosso, quello che non sapresti neanche tu dire cosa è, però cosa non è lo sai di preciso: non è stare in forma. Ma al telefono Francesco è […]

Comico, spaventato guerriero. Berlusconi e la stanchezza del potere.

Per una volta, non lo voglio demonizzare, no. Non lo sopporto, non l’ho mai sopportato; potessi farlo scomparire con un bibidi-bobidi-bù dai teleschermi, da Palazzo Chigi, dalla scena della politica interna ed estera, lo farei, e senza un rimpianto, magari regalandogli un suo paradiso tropicale in qualche villa megagalattica, attorniato da veline compiacenti e ancor […]