Quello che fa un Governo (quando viene ucciso un terrorista islamico) 

Quindi, ricapitolando: due agenti di polizia nel corso di un controllo incrociano per caso e uccidono un pericoloso attentatore che aveva compiuto un massacro a Berlino ed era tornato in Italia probabilmente perché qua, dove era già stato in carcere, poteva contare magari su qualche legame o complice. Si tratta di un pericoloso terrorista islamico […]

Riassunto della settimana: quello che non serve in italia

Per fare il Ministro dell’Istruzione in Italia non è richiesta la laurea. A dire il vero neanche il diploma. Probabilmente, a questo punto, nemmeno la terza media. Anzi, neppure la licenza elementare. Insomma, via, nemmeno aver mai messo piede in un’aula scolastica. Del resto in politica l’unica aula che devi aver frequentato è da sempre […]

Tristi Revival

Esistono persone che, appena li incroci e ci parli un momento, ti fanno tornare alla Milano degli anni ’80; però senza modelle né modelli in giro, mogli o compagne con le tette che cascan giù per il silicone non più revisionato dal chirurgo plastico, pochi soldi, borsa ai minimi, locali chiusi, niente rucola sul filetto. E, soprattutto, […]

Gigi D’Alessio è Gigi D’Alessio è Gigi D’Alessio

In tutta la polemica sul concerto di Gigi D’Alessio per la Moratti annullato a Milano io resto convita che gli artisti vadano giudicati per quello che producono come artisti, e poi come esseri umani fanno le loro scelte politiche, condivisibili o meno, e pace. Celine, per dire, era nazista, ma era Celine. Battisti è Battisti, […]

Elezioni senza cervello

Bossi:«Berlusconi si convincerà, i Ministeri al nord ci sono in tutta Europa.» In effetti, potremmo spostarli direttamente in Finlandia. Berlusconi: «La sconfitta della Moratti è dovuta alla disinformazione dei media.» A furia di dar da dirigere i tiggì a Minzolini, capita. Berlusconi:«La sconfitta è dovuta ai candidati che abbiamo scelto.» Soprattutto a quello candidatosi a […]

Salvate il soldato Bondi

A chi lo accusava di aver disertato ieri sera la prima della Scala, il ministro Bondi ha replicato di non essersi potuto muovere perché impegnato a Roma, a votare la fiducia. Che però si vota il 14, e, nel frattempo il Parlamento è chiuso. La spiegazione, quindi, non convince. Ma non è detto che Bondi menta. Per […]