I giovani che non arrivano al potere e il problema dell’innovazione ingessata

Stamattina leggevo questo post di Stefano Quintarelli, ben ricco di dati e di analisi, e riguardante l’eta media in cui in Italia si arriva al “potere”, se per potere si intende la nomina in uno dei posti chiave (agenzie, banche, etc.) da cui poi è fisicamente possibile prendere decisioni e dare indirizzi per cambiare davvero […]

La strana meritocrazia degli Invalsi

Ogni tanto ci sono articoli che ti fan girare le scatole. Soprattutto quando citano dati opinabili e forniscono soluzioni e suggerimenti che sono nella realtà inapplicabili, ed è strano che un “esperto” che tratta la questione non lo sappia. Un bell’esempio è l’articolo di Roger Abranavel sul Corriere di ieri, in cui il suddetto magnifica […]

Un paese di vecchi

Il problema non è che siamo un paese di vecchi. Il problema è che siamo un paese di vecchi i quali assommano, al naturale e comprensibile rincoglionimento dovuto all’età, quello ancor più naturale ed intrinseco che si portano addosso dai tempi della gioventù, perché nella stragrande maggioranza dei casi essi sono arrivati ai posti di […]

Ci vuole più meritocrazia, ci vuole.

La signora è seduta accanto a me, assieme ad una sua amica, e aspetta pazientemente il suo turno. Mentre aspetta, con sulle ginocchia aperto un numero di qualche rivista di gossip, parla. “Eh – commenta indicando la foto di un ministro o di un altomanager che non identifico, accompagnato da una sventola a me parimenti […]

Le radici sociologiche della mignottocrazia

Forse il problema andrebbe affrontato da un altro punto di vista. Invece di alzare alti lai per la corruzione che dilaga, perdersi in tirate moralistiche su cosa abbia portato allo sfacelo questo paese, e dire che la colpa del fatto che tutto sia andato a puttane è, appunto, delle puttane, che agiscono in proprio o […]

La scuola pubblica e la meritocrazia: riflessione sul perché, in Italia, ad applicare il liberismo in senso stretto si rischia di creare di nuovo le caste chiuse

Il mio post di qualche giorno fa sulla scuola ha suscitato un sacco di commenti, ed anche delle vivaci polemiche. Fra quanti hanno scritto, credo però che una risposta un po’ più articolata di quella che gli ho potuto dare per limiti di spazio meriti Vaal, il quale, nonostante qualche gratuita offesa nei miei confronti […]

Equivoci e miracoli

Un errore di traduzione o un equivoco: il Times rettifica: il “Signore” a cui la madre di Noemi Letizia rivolge preghiere perché la figlia possa avere la carriera nello spettacolo che lei, la madre, non ha avuto, non è Silvio Berlusconi, ma il Padreterno. Dal che si possono dedurre due cose: Che i giornalisti inglesi, […]