Le facoltà umanistiche che non servono e il luminoso futuro italiano basato sulle idee di Stefano Feltri

Oggi, su Valigia Blu, Antonio Scalari cerca di spiegare seriamente a Stefano Feltri che la sua idea di dissuadere i giovani ad iscriversi alle facoltà umanistiche non sta in piedi. Lui lo fa appunto seriamente. Io invece mi limito, applicando le leggi dell’economia, a immaginare lo scenario futuro se le idee di Feltri venissero applicate. […]

Platone o l’economia, il dilemma della riforma della scuola in Spagna

Sia ben chiaro, io li capisco, i banchieri spagnoli. Non è che il ragionamento sia del tutto sbagliato. Tu sei un banchiere, in un paese che sta andando economicamente a catafascio. Hai centinaia di padri e madri di famiglia che non riescono più a versarti una rata del mutuo a fine mese, o l’affitto. Dei […]

Salvate il liceo classico: è l’unica scuola veramente moderna

Ieri sono stata tutto il giorno ad un corso di formazione per insegnanti. Di solito li odio, i corsi di formazione per insegnanti, perché in tanti anni che me ne propinano, ne avrò trovato giusto uno o due che fossero decenti, e tutti gli altri erano una marea di fuffa inutilizzabile, quando non devastante come […]

Non chiamiamole “prostitute”. Ok, e gli altri come li chiamiamo?

Sul Corriere si apre dibattito sull’illuminato articolo di Piero Ostellino, il quale ha candidamente affermato l’altro giorno che, in base ai principi del suo sano liberalismo, non se la sente che chiamare prostitute le ragazze che, ad Arcore o in altri contesti, si danno al miglior offerente – cioè il più ricco o il più […]

La flessibilità e il dottor House. Titolo furbo per evitare di scrivere: “E se Tremonti avesse ragione?”

A me capita di rado di essere d’accordo con Tremonti. Diciamo mai. Mi è di solito impossibile per una incapacità mia: Tremonti è uno di quei tipi così spudoratamente antipatici a pelle, che se lo incontrassi per caso e mi confidasse di amare, chessò, Mozart, io, che di Mozart sono la fan numero uno, dichiarerei […]

La scuola pubblica e la meritocrazia: riflessione sul perché, in Italia, ad applicare il liberismo in senso stretto si rischia di creare di nuovo le caste chiuse

Il mio post di qualche giorno fa sulla scuola ha suscitato un sacco di commenti, ed anche delle vivaci polemiche. Fra quanti hanno scritto, credo però che una risposta un po’ più articolata di quella che gli ho potuto dare per limiti di spazio meriti Vaal, il quale, nonostante qualche gratuita offesa nei miei confronti […]

Le tette di Tinì Cansino e i paradossi della democrazia

I dibattiti interessanti, spesso, nascono dai particolari, ed è giusto: se il Diavolo sta nei dettagli, è proprio sul piccolo dettaglio trascurabile che ciò che non si vuol dire si rivela. Lo sapeva bene il vecchio Sigmund, che i lapsus, e non gli occhi, sono lo specchio dell’anima. Il mio post L’educazione televisiva ha avuto […]

Italics

Trallallerollerollerolà….. trallallerollerolerollà… La suoneria irrompe nella tranquillità assonnata della domenica pomeriggio, mentre io vegeto perplessa sul divano, guardando la nebbia fuori che copre tutto come un sudario. La voce di ***** che mi chiama ha un tono strano, quasi un po’ affannato. “Hai letto la Stampa?” “Perché, che c’è, una nuovo delirio di Berlusconi?” “No, […]

Nude verità

Scosciare le Veline, va bene. Scollacciare le soubrette o le concorrenti del Grande Fratello, ok. Ma la Verità nuda e cruda no, è troppo. Nemmeno se è artistica, nemmeno se il capezzolo è nobilitato dal pennello di un grande pittore. E così Silvio, che per addobbare la sua sala conferenze stampa aveva scelto la riproduzione […]

La famiglia. Ovvero, se in Italia non abbiamo uno Stato moderno, la colpa è dei parenti?

Cinzia Bonfrisco (FI) da Repubblica 10/07/08, p.5: «Io suggerisco il ricovero ospedaliero per Sabina Guzzanti, perché è evidente che si tratta di persona piena di problemi. Quel padre ha grandi responsabilità: come ha fatto a rendere una figlia così infelice?» Si sa, in Italia lo stemma nazionale non dovrebbe essere la scanchenica stellina della Repubblica, […]

Una modesta proposta: per rimotivare i docenti della scuola, facciamogli timbrare il cartellino.

Ci sono periodi dell’anno in cui uno sguardo alla mia scrivania equivale ad una botta di depressione: le pile di libri che normalmente già occupano tutto lo spazio disponibile sono a loro volta sommerse dai pacchi dei compiti in classe da correggere, e questi, a loro volta, dalle valanghe e valanghette di fogli d’appunti, immagini, […]

Intercettazioni/2. Ovvero la giustizia ha i suoi costi.

Il ministro della Giustizia, Antonino Alfano, ha spiegato da par suo il perché sia necessario limitare il numero dei reati per cui la magistratura potrà fare ricorso alle intercettazioni ambientali. Rispetto a Massimo Teodori (vedi post precedente), il ragionamento di Alfano si muove da basi ugualmente “liberiste”, ma di diverso genere: non è la levità […]