Livio Andronico, l’immigrato che fondò la letteratura latina

Livio Andronico è considerato il fondatore della letteratura latina in quanto autore nel 240 a.C. Della prima tragedia in latino rappresentata a Roma. L’immigrato che fondò la letteratura latina I Romani antichi erano gente precisa ed organizzata, mica come quei casinisti dei Greci. Ragione per cui avevano una data certa per la fondazione di Roma […]

Carpe diem, Orazio e l’anno nuovo.

Orazio non mi è mai stato simpatico fino in fondo. Mica colpa sua, in parte. Ma questi poeti augustei, culo e camicia con quel pezzo di ghiaccio di Ottaviano, mantenuti da Mecenate per interposta persona, sì, sono bravi, e grandi, ma caratterialmente anche no. I miei poeti preferiti sono quelli che verso i potenti praticano […]

Le parolacce degli antichi

Quando uno deve scrivere un dialogo, uno scambio di battute, una scena ambientata Ieri ero stanca, tanto stanca. Solo chi ha a che fare con i ragazzini può capire la spossatezza di tenerli in classe le ultime due ore di lezione, da mezzogiorno alle due, Quando suona la campanella sei sfibrata. Vuoi una sola cosa: […]

Il complesso di Didone. Ma perché le donne toste perdono la testa per gli Enea?

Questo post, con altri dedicati alle biografie di personaggi antichi, fa oggi parte del libro Didone, per esempio, Edizioni Ultra, che trovate in libreria e nei principali store on line. Anche in ebook: qui il link per amazon Didone, per esempio, bravo chi la capisce. Io non ci sono mai riuscita. Ogni volta che prendo in mano […]

Cicerone, l’avvocato che non riuscì a farsi re.

Non lo so perché, non mi riesce a stare antipatico. Eppure le ha tutte, lo ammetto, le caratteristiche per farsi giudicare insopportabile: retorico, trombone, arruffone, vanitoso, noioso, magniloquente, pavido, intrigante, sconsideratamente furbastro o stupidamente ingenuo, a volte viscido e tendenzialmente destrorso. Ma è più forte di me: dai tempi del liceo, confesso, per Cicerone ho […]

Caio Valerio Catullo. Ovvero, il Tutto e la Poesia.

Delle cose che ami troppo ti è difficile parlare. E allora lui, Catullo, l’ho lasciato per un po’ dopo, nella mia galleria di ritratti. Del resto, si sa, in teatro non accade mai che la primadonna entri in scena subito, appena il sipario s’è alzato. E Catullo è più che una primadonna: è uno di […]

Il volto bonario del Regime. Orazio e gli intellettuali che si allineano

Lo amano tutti, perché lo trovano bonario, simpatico, alla mano. Difficile non amarlo, invero, Orazio. Già, come si fa a non affezionarsi a questo ragazzotto, poi signore, spiritoso, che ti immagini sempre seduto in disparte, a guardare l’orizzonte dal suo appartato podere di campagna. Te lo figuri così, non vecchio né giovane, non pingue, ma […]