I non luoghi, i centri commerciali, gli intellettuali italiani e il popolo

Ecco, io per esempio i centri commerciali non è che li ami alla follia. Mi ricordano sempre le navi da crociera gigantesche, con quell’estetica kitsch e vagamente disneyana che ricorda un po’ un bassofondo di Topolinia o il salotto di Nonna Speranza aggiornato ai tempi delle villette a schiera in stile puffo palladiano. Non ci […]

Olga, gli intellettuali misconosciuti e il sottoproletariato delle comparsate tv

Nel salone della villa del Maestro sotto le feste Olga ha un posto fisso. Staziona avvoltolata in un plaid vicino al grande camino in pietra, sulla chaise longue. Una specie di bozzolo da cui esce solo un cespo di capelli e una mano, perennemente impegnata a digitare sul suo smarphone o a parare via con […]

Cene massoniche: il Maestro e il Faccendiere

Il Maestro non è Gran Maestro. Nonostante gli inviti, più o meno velati, ad entrare in varie confraternite gli siano stati fatti mille e mille volte, se ne è sempre tenuto a ragionevole distanza. «Chi è già affiliato all’Arte non può servire altri padroni!» è la sua frase ad effetto preferita, utilissima a nascondere la […]

Vatti a fidare di chi guardava Bombolo

Il Ministro Bondi, stavolta, le ha cantate chiare. Il prossimo anno i giurati alla Mostra del Cinema di Venezia li vuole scegliere lui, personalmente. Ce l’ha con tutti, ma in particolare con il presidente della Giuria di quest’anno, il regista Quentin Tarantino, che è, parole di Bondi, “espressione di una cultura elitaria, relativista e snobistica“. […]

L’intellettuale

Ad Anskij. Baciotto. L’ Intellettuale già da come arriva capisci che non sono tempi per lui. La sala della sua conferenza è piena, perché, via, è pur sempre uno di quegli intellettuali che un nome ce l’hanno; non più per calamitare le folle nelle grandi metropoli, magari, ma ancora abbastanza di richiamo per riempire una […]

Aiuto! Mi si è allargata l’elite! Ernesto Galli della Loggia e lo scandalo delle popolane pensanti.

E’ difficile spiegare quello spontaneo moto di tenerezza che ti prende quando ti trovi davanti allo scritto di un intellettuale “di quelli seri” che, improvvisamente e senza avvisaglie, si rende conto che ciò che fino ad oggi aveva reputato un suo esclusivo appannaggio è ormai invece alla portata di tutti, e se ne deve fare […]

Facebook non è per niente chic. Dopo la Rodotà, anche Cotroneo ce l’ha con i social

Ci si mette anche Cotroneo. Dato che le feste di Natale si prolungano ahimè fin all’Epifania, i giornali bisogna riempirli. Ma il clima deve essere disteso, non proprio da Partito dell’Amore, (ché su quello Moana ha ceduto il copyright a Silvietto) ma insomma, almeno dell’Affetto genericamente spalmato. Quindi non potendo prendersela con Berlusconi, e conseguentemente […]

Ritratti dal vero

Non gli serve una donna, gli serve una accompagnatrice. Quando Teo telefona alla sera tardi, a casa mia, con quella vocina lievemente depressa da Topo Gigio che ha appena preso una randellata, lo so cosa cerca: compagnia femminile. Non nel senso di una da portarsi a letto; ciò di cui ha bisogno, in quei casi, […]

Ferie di Ottobre. Ovvero ritratto di intellettuali nel Qualcheshire

Hommage a Paolo Virzì Teo. Che poi starebbe per Teofilo. Nome di famiglia, ereditato dai nobili antenati. Ma andarlo a mettere ad un pupetto appena nato, denota nei genitori una certa colpevole indifferenza, invero poco nobile, nei confronti dell’avvenire del figlio. Comunque, l’hanno chiamato Teo. E gli è andata anche bene: la sorella si è […]

Buonsenso proletario

Il professor Albio Trovati da qualche settimana è in fibrillazione. Arriva, come al solito, la mattina, al bar di Clara, ma con un’aria da cospiratore così convinta, che nasconde persino i titoli della mazzetta dei suoi giornali, come temesse che sguardi indiscreti volessero captare le sue letture e rivoltargliele contro. Poi, con fare guardingo, dopo […]

Le Chic et le Charme: donne internazionali e quelle nelle sale d’aspetto.

Nella sala d’aspetto, il giornale è l’unica cosa leggibile, e io ho dimenticato a casa il mio libro. Così lo sfoglio. È una rivista di moda. Non La Rivista, quella del Diavolo che preferisce Prada, ma insomma, qualcosa di molto simile, diciamo che se una è l’Empireo questa è un cielo sotto la Rosa Mistica, […]

Gli italiani cercano la cultura?

Strana, la ggente. Più tengo un blog, più me ne rendo conto. Proprio ieri sera chiacchieravo con un mio amico per telefono: “Ho visto che oggi hai postato il solito pezzo di storia antica.” mi dice. “Sì – replico io – posto le Badilate di cultura la domenica, perché, mi hanno spiegato quelli che di […]

La vita alta.

Homage ad Arbasino Il Maestro, come dice Conte, è nell’anima. Ma ciò non gli impedisce, di tanto in tanto, con capricciosa saltuarietà, di manifestarsi anche qui e là, ovunque. Il Maestro – almeno, questa è l’impressione che ne ho dacché lo conosco – è tendenzialmente onnipresente, o per lo meno ubiquo. Vive dappertutto; per la […]

Aspiranti intellettuali in treno

Ecco, così dovrebbe andar bene: lo sguardo enigmaticamente perso nel vuoto, a cercare un punto indefinito là, nel buio della notte oltre il finestrino; sul sedile accanto, in ben studiato disordine, la borsa, aperta quel tanto da far trapelare la sagoma di un grosso libro e una risma di fogli stampati, che sono, sì, solo […]

Cultura popolare

“Cappuccino, Professore?” “Mmmmm…” “Per il Professore, un cappuccino!” Avessi un centesimo per ogni volta che ho sentito questo scambio di battute, al bar della Clara, sarei milionaria. Perché il Professore, al secolo Albio Trovati, al bar di Clara ci arriva ogni giorno, la mattina, dacché è in pensione, cioè, a memoria d’uomo, da sempre. Che […]

Le straordinarie botte di culo della Storia. Ovvero, ma l’Italia è un paese migliore di chi lo governa?

L’altra sera parlavo con un amico, in quel clima di allegra confidenza che c’è prima dell’ora di cena: quello in cui non si è più ingessati dalle responsabilità del giorno, ma neppure già troppo sbracati, o stanchi; quello in cui, insomma, ancora si ha voglia di ragionare un po’, ma non del tutto seriamente, e […]

Un Marziano in provincia

Marziano non è proprio un amico, ma nemmeno un conoscente. Non c’è mai stata fra noi la confidenza necessaria per farlo rientrare nella prima categoria, ma ormai la frequentazione si è protratta troppi anni per essere inserito nella seconda. Marziano è sempre stato così, né carne né pesce, in tutti sensi: non bello e non […]