Machiavellico e Boccaccesco. Due aggettivi che l’Italia di oggi non si merita neppure.

Ci sono autori grandissimi che sono però vittime di una maledizione singolare, quella della riduzione ad aggettivo. I contemporanei ed i posteri pensarono di poter condensare in una parola l’universo di suggestioni, il mondo da loro ritratto e creato con visione profetica, e quella parola è rimasta appiccicata addosso, come un vestito che non hanno […]