L’Italia che garantisce per legge il nulla

Quindi in pratica, se passa la nuova legge, le coppie omosessuali non potranno sposarsi, non potranno chiamarsi famiglia, non potranno adottare bambini e nemmeno il figlio del partner, non avranno diritto al cognome comune e nemmeno alla pensione di reversibilità.   In pratica non avranno diritto a nulla. C’è chi si vanta di essere riuscito […]

La compagnia di giro del Family Day

Quello che ha tre famiglie da mantenere, e perciò deve difendere la famiglia unica, o addio stipendio da deputato. Quello che ha l’amico cardinale che si fa inviare a casa procaci cugine, di famiglie però tradizionalissime. Quello che vuole la moglie sottomessa e spera che la Provvidenza gli regali anche un full d’assi, ogni tanto, […]

Funerali e scontri di civiltà

Quindi, ricapitolando: se un cattolico muore e vuole un funerale cattolico, ok, va bene. Se un protestante vuole un funerale protestante, è logico. Se un musulmano vuole un funerale musulmano, non ci sono problemi. Persino se un buddista vuole un funerale buddista, nessuno ha niente da dire. Ma se due genitori decidono che la figlia […]

Specifiche formazioni di idiozia

Io mi immagino la faccia sconvolta dalla rabbia e dalla frustrazione del bigotto che, dopo aver combattuto per mesi minacciando in parlamento, piangendo, strepitando, strappandosi i capelli, gridando al crollo della civiltà perché le convivenze non si chiamassero “matrimoni” ma “specifiche formazioni sociali” si troverà poi nella vita di tutti i giorni a dover chiarire […]

Ida Magli, il problema delle donne che non sanno insegnare la cultura e la tv che fa didattica al posto delle femmine

Un giorno qualcuno dovrà fare uno studio serio sull’impatto della televisione in Italia. Cominciando, mi viene da dire, non dal volgo, da sempre accusato di essere schiavo della De Filippi di turno, ma dagli intellettuali. A leggere certi loro scritti, sembra infatti che siano del tutto ed ancora schiavi dell’immaginario televisivo: non perché adorano la […]

Il Sindaco Brugnaro e le famiglie naturali delle favole

Se non ricordo male, Pollicino viene abbandonato dalla famiglia naturale. Cappuccetto rosso lasciata da sola ad attraversare un bosco pericolosissimo da una madre naturale ma si indovina abbastanza idiota. La Bella Addormantata si becca una maledizione da una fata cattiva perché la madre, naturale e scema, fa casino con la lista degli ospiti al battesimo. […]

Le nozze gay ed i vestiti blu (dialogo sui diritti civili e l’ideologia gender)

«Uh, che bello quel vestito blu addosso a quel tizio!» «Ma che, sei pazza? I vestiti blu fanno schifo.» «Vabbe’ a me non  piacciono i vestiti blu, ma se uno vuole indossarlo saranno anche fatti suoi!» «E’ immorale che piacciano i vestiti blu! I vestiti blu sono vietati per legge!» «Veramente no, la legge dice […]

Stagioni precarie, ovvero gli dei al tempo del Job Act

«Arghm, coff, coff… aufff! Ce l’ho fatta ad arrivare….» «Abbella, a la buon’ora! Sta’n ritardo de quasi ‘na settimana…» «Ah, lo so, Giove, scusami, ma te nun te rendi conto…n’ingorgo de perturbazioni, ‘n macello, er raccordo anulare ‘ntasato… era dai tempi de Annibale che nun se vedeva ‘n casino simile! Comunque mo so’ arrivata, famo […]

Spiegatemi due o tre cose sul Job Act

Spiegatemelo, per favore, perché da sola non ci arrivo. Spiegatemi perché con il Job Act, improvvisamente, i contratti dei precari dovrebbero essere automaticamente trasformati in assunzioni a tempo indeterminato, dato che le varie tipologie di contratti precari, e provvisori, non sono state abolite, e continuano a d essere più convenienti per le aziende. Spiegatemi perché […]

Charlie Hebdo, la satira e il copyright

Sull’onda dell’indignazione per l’attentato a Charlie Hebdo, uno s’inventa un premio per le vignette satiriche, dicendo però che saranno escluse a priori le vignette che possano risultare offensive contro le religioni, che è un po’ come dire che si farà un film porno, però le scene di sesso no. L’altro, più sottile, visto che è […]

Il gesto politico di pagare quanto dovuto a chi lavora

Davide Faraone, che se non lo sapete è sottosegretario e si occupa di Istruzione, ha mandato nei giorni scorsi un comunicato stampa trionfale per annunciare una sua vittoria: è riuscito a far aggiungere al bilancio 64 milioni di euro per pagare le supplenze già effettuate dai docenti precari. Il corsivo è mio. Chiarisco, se non […]

L’educazione sessuale cristiana e la ristrutturazione edilizia

Girava ieri su Facebook un post preso da Famiglia Cristiana, in cui il giornale diffondeva un preciso e circostanziato decalogo ai genitori, per spiegare loro come difendere i figli dai gravi pericoli che possono correre a scuola. Quali, vi chiederete voi. Forse il bullismo? O i pericoli fisici di crolli, dato che le strutture scolastiche […]

I neo papà discriminati da Renzi

Ho un problema tecnico con il bonus di Renzi promesso alle neo mamme. Che non sta nel fatto che è l’ennesima promessa, e nemmeno che 80 euro al mese per un bebè sono una goccia nel mare. È che non capisco perché il bonus lo ha promesso solo alle neo mamme. Mi risultava che i […]

Le donne che lavorano e la madre dei cretini

E’ inutile, succede sempre. Non appena su FB (ma anche al bar, solo che su Facebook è più evidente) si posta qualcosa sulla condizione della donna e sul problema delle carriere al femminile, arriva sempre il tizio che commenta dicendo che il mondo va male e le famiglie si sfasciano perché le donne non stanno […]

La nostalgia del taci, idiota.

Lo confesso, ogni tanto credo di avere nostalgia dei vecchi partiti. Quelli un po’ ipocriti ed imbalsamati della Prima Repubblica, che erano corrotti, pieni di ladri, sì, ma anche con un qualche codice ferreo al loro interno, che imponeva, alle volte anche a calci nel sedere, un rigoroso stile ai propri rappresentanti, proprio perché erano […]

I figli so’ piezz d’egoismo

Le quattro donne sono spaparanzate a gambe larghe sui lettini, con microbikini a tanga che lasciano intravvedere ciccette e cellulite degne di essere sepolte sotto un burka, più che esposte in spiaggia, e nascondono sotto improvvisate bandane capelli di colori improbabili. Al collo catenone d’oro, e sulle dita, in bella mostra, la fede nuziale che […]

Finché non l’hanno stuprata

Dal tg2 di questo pomeriggio ho appreso, con grande stupore, che Franca Rame, era una donna che “approfittò della sua bellezza per imporsi all’attenzione, finché non fu stuprata”. Ora, per quanto ne so io, Franca Rame può anche non risultare particolarmente simpatica, ed è lecito non condividere in toto o in parte le sue idee, […]

Fidanzatino no!

Sentite, cari giornalisti, chiariamo una cosa: se un diciassettenne uccide la sua ragazza sedicenne bruciandola viva perché è geloso, non lo si può chiamare “fidanzatino”, come se fosse un bimbo innocente che ha incautamente fatto un gioco finito male con la morosetta smorfiosa. Assassino o spietato omicida sono gli unici termini coretti. Usateli, cazzo.