Nino e la pioggia: ovvero amore, tradimento e altre sciocchezze

Piove, senti come piove, madonna come piove, senti come viene giù. No, non piove: diluvia. Nel giro di mezzo minuto le cateratte del cielo si sono aperte di botto, come il cancello di scuola al suono della campanella. Io e Nino abbiamo siamo rimasti lì in mezzo alla tempesta, costretti a correre a guado fra […]

Il cielo sopra Spinola

C’è sopra Spinola quel cielo lì, quello gonfio di pioggia e di vento che porta tempesta e sembra voler rovesciare tutto. «Peccato – dice Giulia – Rovinerà l’inaugurazione della nuova piazza.» «Io non ci vado.» dico io. «Non dire cretinate, tu ci vieni. Ci hanno speso milioni per fare quell’orrore, e tutti quelli che parteciperanno […]

Spinola e la crisi immobiliare

L’Agosto a Spinola, quest’anno, è uguale ad ogni altro mese. Giulia ed io giriamo per il centro, in infradito e colata di sudore, e stentiamo a riconoscere l’estate in quel paese pieno di macchine parcheggiate o in moto, negozi aperti, anche se vuoti per la crisi, e la gente in giro, sudata e sfatta come […]

Nino e le macerie (del PD e non solo)

«Ti devo parlare…» «Mi devono parlare tutti…» E’ in sezione, Nino, con il telefonino che trilla e davanti a sé, sul vecchio tavolaccio che fa da scrivania, pile di carte, giornali ammucchiati, pacchi di delibere scatafasciate ovunque: il normale caos della sezione PD di Spinola, un ex negozio-semiscantinato ammuffito e derelitto, con le sedie recuperate […]

L’Onorevole e la risoluzione delle faccende di famiglia

Alfonso è lì, nello studio dell’Onorevole, con il cellulare in mano. Lo guarda, lo tocca, ci giocherella. Non sa che fare. Sono due giorni che prova a chiamarla, ma il messaggio rimane sempre uguale: l’utente è momentaneamente irraggiungibile, riprovare più tardi. Ha saputo, chiamando a casa, che è partita per la montagna, con Giulia. Conoscendo […]

L’Onorevole cattolicissimo, la famiglia, i cornuti e la propaganda elettorale

«Quella donna no!» Nella mezza ombra del salotto di Villa Crespano le parole, pronunciate come un sibilo, paiono rimanere ferme nell’aria, giusto a metà strada fra il tavolo del Seicento con gli angoli dai ghirigori dorati cui è aggrappata, come una statua di sale in posa plastica, la signora Crespano e la poltrona dove è […]

I topi e la nave: imperi che scricchiolano e fedeltà al padrone a Spinola

Ora che l’impero Crespano scricchiola, a Spinola i cigolii si sentono ovunque, figuriamoci se non echeggiano nelle palazzine di Anselmo Pedron, che già di loro, quanto a crepe ed infiltrazioni, son ben messe in partenza. Il buon Anselmo dei Crespano è sempre stato factotum e prestanome, nel senso che dove non potevano apparire loro con […]

I soldi sono una cosa brutta

Il piccolo Giovanni Francesco Saverio Alfonso Albino Maria Crespano ha troppi nomi per essere un cosino che non ha nemmeno un anno e mezzo. Del resto glieli hanno appioppati a tradimento, in una cerimonia che per fortuna ricorda quasi per nulla e dimenticherà del tutto: in cui il padre che lo teneva in braccio e […]

La solitudine delle carte di credito

Il conto. È là, sopra il tavolo. Patrizia lo sta guardando fisso da una mezz’ora, forse nell’inconscia speranza che svanisca così, d’improvviso, come una cosa irreale. Dev’essere per forza una cosa irreale, quel foglietto di carta bianco, sopra al tavolo ancor più bianco, in mezzo ad un salotto bianchissimo, accecante, perché l’architetto le ha detto […]

La stanza del figlio

La camera, adesso, è tutta sua. E non è nemmeno una camera sola, a ben vedere. Alfonso Crespano, persino se ha rotto i ponti con la famiglia, lasciato moglie e mammà – non necessariamente in quest’ordine – e incrinato quell’universo di relazioni che lo hanno protetto come una bolla fin dalla nascita, ha sempre fondi […]

La furbizia della principessa triste

Da quando il marito se ne è ito di casa per mettersi assieme ad una cassiera non bella, non giovane, non colta e con la stazza di una balenottera, la vita di Patrizia Crespano è cambiata. Contrariamente a quanto tutti potevano ipotizzare, in meglio. Se prima dell’abbandono la giovane signora Crespano era tutta compresa, ma […]

Al cuor non si comanda

Quelli che contano veramente in politica, a Spinola, sono tre: l’avvocato Martinuzzi, il dottor Dolbiati ed Erminio Franzon. Cosa siano i primi due è chiaro dal titolo: l’avvocato Martinuzzi è avvocato, discendente da una schiatta di avvocati così antica, azzeccagarbugli e dallo stomaco tanto peloso che si mormora sia stato un suo avo a difendere […]

Il battesimo dell’erede

  In altri tempi ed in altri momenti, sarebbe stato l’evento dell’anno, tale da mobilitare, in paese, la cittadinanza tutta e anche qualcuno venuto da fuori. Perché quando si nasce Crespano, a Spinola, la fama ti viene a cercare fin nella culla, e il popolo vuol sapere subito tutto, compreso il colore del biberon. Il […]