Roma

Io con Roma ho una storia d’amore, di quelle che non finiscono mai, di quelle che non ti spieghi nemmeno perché e per come, le vivi e basta e no n ce n’è.  È un fatto di pelle e di cuore, non ha nulla di logico, è che quando arrivò a Termini non faccio manco […]

Cleopatra non fa per me (riflessioni sui film e sui romanzi storici popolari)

Ogni volta che rivedo Cleopatra, (il film di Mankiewicz, non la regina, ovviamente), da spettatrice e da antichista provo una sensazione strana, che è un mezzo fra la curiosità scientifica, il fascino, il fastidio e la voglia di scoppiare in una irrefrenabile risata. Di tutti i peplum (i “sandaloni”, come venivano affettuosamente chiamati a Cinecittà) […]

Le malinconie improvvise della sera

Certe malinconie che prendono a tradimento nelle sere in cui non è successo nulla, alla fine di giornate tranquille. Certe angosce che piovono addosso all’improvviso, come piogge violente che cadono da nuvole invisibili. Certe angosce immotivate,e perciò ancora più colpevoli.  Come si vorrebbe comprendere il senso delle cose senza senso, gli effetti che non hanno […]

Problemi di musica poco generazionale

«Oh, hai visto il concerto di Vasco, ieri sera, figo, eh?» «Ehm, no veramente non l’ho guardato…» «Ma cooomeeee? Vasco, il grande Vasco! Ma non ti piacciono le sue canzoni???» «Sì, per carità, ma insomma…» «Ma non puoi non amarleeee! Le abbiamo cantate a squarciagola quando eravamo ragazzini! Ma non le conosci tutte a memoria?» […]

Riassunto breve degli ultimi mesi, ovvero la Storia e i suoi sceneggiatori. 

Ricapitolando: un miliardario erotomane famoso per essere stato un imprenditore fallimentare, dopo una campagna elettorale populista che si appoggiava sulla peggiore destra americana, riesce a farsi eleggere alla casa bianca, ma dopo pochi mesi viene indagato perché sospettato di aver avuto aiuti segreti dalla Russia. Nel frattempo la Russia annuncia di aver ucciso un terrorista […]

La spiaggia è sempre la spiaggia

Con il primo sole la vecchia comunità si ricostituisce, vestita dei suoi abiti tradizionali: i costumi. Le certezze sono certezze. Il pensionato piacione presidia il Lido fin dal primo giorno con le braghe tre blu d’ordinanza, facendo come al solito battute. Il pontificatore da ombrellone oggi è tutto preso ad illustragli l’importanza dei teatri nel […]

Lo storytelling e l’arte di raccontare l’antico

Domani parto e vado a Ravenna, alla prima conferenza italiana dell’AIPH, associazione italiana di Public History, per spiegare, assieme a tutti gli altri soci di Archeostorie, il nostro modo di raccontare l’antico. Quello che adesso viene detto appunto storytelling sui beni culturali. Ora, quando ho cominciato a scrivere questo blog, da cui poi è partito […]

Le condoglianze difficili

Capita che lo vieni a sapere così, con enorme ritardo, che un amico ha perso il padre, a cui lo sapevi legatissimo. Ma non sai cosa fare, perché ormai sono anni che non vi sentite più, e perché lui ti aveva fatto capire che non era più il caso.  Capita che d’improvviso ti renda conto […]

Il borsone del mare

Il borsone del mare è quello che riesumi da un anno all’altro, e per quanto tu lo abbia svuotato bene, ci trovi sempre sul fondo un po’ di sabbia dell’anno prima.  È come l’estate, pieno di possibilità. All’inizio lo ingolfi di costumi e di asciugamani nuovi, appena usciti dal cassetto e piegati con cura. Ci […]

Come sono cambiati i requisiti per la carriera politica attraverso i secoli

Ai tempi del Medioevo per intraprendere la carriera politica con successo ci volevano antenati cavalieri che avessero seguito l’imperatore in qualche impresa o per lo meno avessero ammazzato un drago. Nel Cinquecento bisognava essere aristocratici colti e mecenati delle arti, o spregiudicati condottieri di ventura. Nel Seicento abili cortigiani capaci di indovinare velocemente se Franza […]

Intercettazioni

“Senti, ma il prosciutto lo compro al supermercato o da quello del pane?” “No, prendilo dal pane, che da quando hanno messo il banco salumi hanno roba migliore” Prima che qualcuno le pubblichi, pubblico da sola le trascrizioni delle conversazioni telefoniche fra me e mia madre. Non si sa mai. 

L’età della signora Macron

Gran parte degli italiani sta ridacchiando apertamente sul fatto che il candidato francese Macron è sposato con una signora che ha vent’anni più di lui. Uno così deve essere proprio un ragazzino influenzabile, pensano, se si è preso una donna vecchia per compagna e non l’ha per giunta ancora sostituita con una più giovane.
Vorrei far sommessamente notare