Il granchietto eroe

Il granchiolino è puntuale come uno svizzero. Ogni giorno emerge dalla sua tana, si arrampica sullo scoglio, arriva fino al bordo di una immensa patella che è troppo grande per lui. E con tigna meticolosa inizia a provare ad aprirla con le sue chelette mingherline.

Ci prova, ci riprova, ci riprova ancora. E la patella è lì, chiusa e indifferente, che lo lascia fare, un po’ perché è una patella, e quindi le reazioni plateali non sono proprio il suo forte, e un po’ perché dai, ma che te la vuoi prendere con lui?

Io lo guardo e non so mai se del granchietto testardo devo ammirare la determinazione eroica a voler tentare una impresa disperata, o rassegnarmi all’idea che il granchietto, ancorché determinato e tenero, è un po’ mona.

Insomma quel fatale dubbio che ti prende sempre quando commenti le gesta degli eroi.

Annunci

3 pensieri su “Il granchietto eroe

  1. La spiegazione più semplice è quella giusta, di solito. La spiegazione semplice di un fenomeno incomprensibile è che tu non capisci quello che vedi.

    Piace a 3 people

I commenti sono chiusi.