La narrativa è un’altra cosa. Se non mi vedete qui è perché scrivo altrove. #teodoraiscoming

Tanti anni fa avevo un caro amico, che scriveva meravigliosamente. Adoravo i suoi articoli: aveva una scrittura elegante, precisa, tagliente, perfetta. Provavo per lui quella sconfinata ammirazione mista ad invidia che si prova per chi capisci che è più bravo di te.

Poi mi fece leggere un suo racconto. Non aveva mai scritto prima narrativa. Io ero onorata e intimorita, mi ci accostai quasi con deferenza.

Era clamorosamente brutto. Oltre alla trama sfilacciata, aveva personaggi mal delineati e persino lo stile, vivaddio, lo stile, che nei suoi articoli e saggi era così bello, lì latitava del tutto. Era un racconto goffo, loffio, senza ritmo, con una idea caruccia ma abortita, dialoghi che non stavano in piedi, suspence dispersa in guerra.

Mi insegnò una cosa quell’esperienza. Per quanto tu possa essere bravo a scrivere saggistica, la narrativa è un’altra cosa. Ti ci devi impegnare, è non solo un altro campionato ma quasi proprio un altro sport, e non è detto che se se bravo in uno te la cavi bene anche nell’altro.

Per cui se mi vedere poco sul blog in questo periodo è per questo. Sto scrivendo il mio romanzo, e lo rileggo, e lo limo, e mi faccio venire mille dubbi per capire se va o non va.

Per cui abbiate pazienza che ci sono, e prima o poi torno, ma se manco per qualche giorno non preoccupatevi: sto sempre lavorando per voi.

Annunci

5 pensieri su “La narrativa è un’altra cosa. Se non mi vedete qui è perché scrivo altrove. #teodoraiscoming

  1. Ti ammiro tantissimo e amo il tuo modo di ritrarre persone della Storia .Anzi della controstoria. Sono Gabriella Belisario nasco alla società come biologa botanica ma la passione per l’ideazione e la scrittura mi portano verso la televisione e gli eventi a Roma. In controtentenza, piu bassi e piu grassi un programma che solo su Rai notte ha avuto accoglienza, le Stelle in cucina su Rai uno anni fa,e poi la passione dell’acqua da 18 anni mi tiene ferma sulle ricerche delle storie antiche di acque minerali che troviamo al supermercato e che beviamo distrattamente e sono dei veri MONUMENTI LIQUIDI. ACQUE DEI CESARI . hO MOLTO APPREZZATO LO SVERGOGNAMENTO DI COSTANTINO DI SUA MADRE … ADDIRITTURA SANTA SANTADECHE ? DICIAMO A ROMA. gRAZIE PER ESSERCI

    Mi piace

I commenti sono chiusi.