Annibale, il terrore di Roma

Tutti lo conoscono perché era un grande generale, che unico riuscì a terrorizzare i Romani: Hannibal ad portas resterà un modo di dire in latino per indicare un pericolo sovrastante e tremendo. Ma Annibale fu molto di più: uomo intelligente e sottile, spregiudicato sia sul campo di battaglia che fuori, fu un sottile stratega anche in politica.

Se volete leggere la “badilata di cultura” dedicata a lui, vi rimando ad Archeostorie. Qui.

5 pensieri su “Annibale, il terrore di Roma

  1. Boh, è stato davvero l’unico a terrorizzare i romani?

    Io non sono uno storico, ma ricordo un certo Brenno e un certo sacco, oltre a un “Vae victis” pronunciato dopo aver messo una spada sulla bilancia. Probabilmente la “storiografia moderna” avrà decretato che erano solo leggende a mia insaputa.

    Cordialità

    Attila

    Mi piace

  2. Grande, grandissimo generale … sfortuna per lui aver incontrato @Scipione, e l’ invidia dei maggiorenti Cartaginesi ! 😦

    Mi piace

I commenti sono chiusi.