La compagnia di giro del Family Day

Quello che ha tre famiglie da mantenere, e perciò deve difendere la famiglia unica, o addio stipendio da deputato.

Quello che ha l’amico cardinale che si fa inviare a casa procaci cugine, di famiglie però tradizionalissime.

Quello che vuole la moglie sottomessa e spera che la Provvidenza gli regali anche un full d’assi, ogni tanto, ohè.

Quello che accende grattacieli di cui però non paga le bollette.

Quella che il marito andava a minorenni, nei momenti in cui non aveva impegni di famiglia, però.

Quelli che vanno in piazza con i libri in mano per protesta, che se invece ci andassero per leggerli davvero magari ecco, eh.

Quelli che hanno paura del gender.

Quelli che eh, ma la tradizione.

Quelli, quelli lì, insomma.

Quelli che noi invece siamo gli altri. Per fortuna.

 

Advertisements

25 pensieri su “La compagnia di giro del Family Day

  1. Con le soluzioni europee non ci saranno più problemi: tutte le piazze come quella di Colonia l’ultimo dell’anno e tutti coerentemente in piazza con un unico scopo.

    Cordialità

    Attila

    Mi piace

  2. Volevo ringraziare gli estensori dei due commenti sopra.
    Ogni volta che si palesano quelli pro “valori tradizionali” noi poveracci a favore solo dei diritti di tutti e del rispetto delle altrui opinioni sentiamo immediatamente di essere meglio. Ciao.

    Mi piace

  3. Mai detto di essere a favore di alcuni “valori” piuttosto che altri, la mia era una considerazione tutto sommato asettica su quale potrebbe essere un possibile sviluppo delle manifestazioni di piazza in un futuro nemmeno troppo remoto. Sicuramente non ci saranno minoranze oppresse e ci sarà uniformità di vedute. Attenzione solo a non avvicinarsi al profumo, un sant’uomo qui in Germania ci ha detto che è pericoloso per gli uomini.

    Rinnovo le cordialità

    Attila

    Mi piace

  4. È comunque curioso, come tra i difensori della famiglia tradizionale cattolica ci siano in massima parte le seguenti categorie:
    1 – Preti, che non ne hanno una.
    2 – Divorziati&risposati, che quindi ne hanno sfasciato almeno una.
    3 – Puttanieri&pedofili, e qui no comment.
    Credo che la Chiesa Cattolica abbia qualche problemuccio nella scelta dei testimonial

    Mi piace

  5. Uno per essere comunista deve per forza essere minorato e avvezzo al falso.

    Infatti la faccenda della “famiglia tradizionale” esiste solo per differenza con la “famiglia non-tradizionale”, che a sua volta è un imbroglio perché non sta a significare la necessità di obbligare un uomo e una donna che hanno una relazione a sposarsi, si tratta invece di istituzionalizzare le relazioni omosessuali equiparandole a quelle eterosessuali.

    Prego notare quindi che tutto il teatrino si fonda su una menzogna, non esiste contrapposizione tra famiglie di diverso tipo, esiste un ennesimo passaggio in quel movimento che punta allo scardinamento della “società borghese” nei suoi presupposti.

    Lo si fa nel modo più laido. Infatti a nessuno verrebbe in mente che due omosessuali non possano formalizzare la loro relazione con qualche forma contrattuale se non si insistesse a volere equiparare due cose che sono di natura evidentemente diversa, infatti da due omosessuali non nasce niente, parafrasando una famosa canzone.

    A meno di non ricorrere alle cliniche del dottor Mengele e a introdurre un concetto risibile come quello che il partner omosessuale sia il “padre/madre” di un figlio concepito in laboratorio con gameti di donatori e incubato per procura. Significa semplicemente che chiunque è figlio/padre/madre di chiunque altro.

    Mi piace

  6. Per me, al netto degli scenari introdotti non i modo balzano dal sig. Attila, tutta la faccenda è solo una questione di soldi, anche se viene messa sul piano della tradizione o, addirittura, della sacralità.

    Mi piace

  7. “Per fortuna”, mi associo. Specialmente dopo aver letto un paio di commenti, mi ritengo fortunatissimo a NON stare in simile compagnia.

    Mi piace

  8. JT, “banalità” perché il sig. Attila ha espresso un pensiero risibile o perché ha sottolineato un’evidenza – allo stato attuale delle cose – alla portata di tutti?

    Mi piace

  9. In molti difensori della famiglia tradizionale alberga una certa ipocrisia, e questo è giusto evidenziarlo, per evidenziare come certe proclamazioni sono strumentali e a scopo elettoralistico. Premesso questo, personalmente, sono contrario ad ogni forma di pseudomatrimonio, anche su coppie etero: non vuoi i vincoli del matrimonio, vuoi un legame solubile senza carte bollate, non vedo perchè devi goderne comunque dei diritti sociali, mi pare troppo comodo. Per la questione delle coppie omosessuali, la soluzione seria è una ed una soltanto: accesso al matrimonio civile, senza strane forme camuffate. Detto questo, credo che in Italia abbiamo ben altri problemi, come 2 milioni di miliardi di debito pubblico, un sistema pensionistico ingiusto e costosissimo (270 miliardi all’anno), milioni di giovani precari senza futuro. Tutta questa faccenda a me pare marginale rispetto ai problemi seri.

    Mi piace

  10. Caro JT, se per Lei oltre 500 denunce per molestie, furto e violenza sono argomenti risibili, mi sorge qualche dubbio sul Suo concetto di divertimento.

    Colgo l’occasione per rinnovare le cordialità

    Attila

    Mi piace

  11. Grazie per la risposta, ma il mio non era un quesito retorico.
    Al massimo, poteva essere una domanda dall’esito scontato; ma solo per te e per chi ti conosce bene, non per tutti gli altri.

    Mi piace

  12. Caro Attila, non si sta parlando di quello che lei cerca di far passare surrettiziamente, si sta parlando della compagnia di giro del family day. Non le hanno insegnato che i fatti non si sommano e che non si sommano le pere con le mele?

    Non sono altrettanto cordiale con lei perché non amo coloro che fingono di fare gli amici qui per poi parlar male altrove.

    Ora vada altrove, magari le daranno la medaglietta per aver commentato qui.

    Mi piace

  13. In effetti leggendo i vari commenti si rimane un tantino spiazzati, perché come JT ha scritto si parla del Family Day e non di altre cose.
    Anche se ho famiglia, e non da poco, mi sembra che si sia perso il senso delle cose. Ora se la famiglia deve contenere un valore il rispetto verso il partner, non capisco il senso delle piazze contrapposte. Ho sempre sostenuto che formare una famiglia con una persona con la quale si vuole condividere gioie e dolori non passa necessariamente per matrimonio o altro. Purtroppo quello che frega è che se non sei sposato, allo stato attuale, non hai diritto a nulla.

    Mi piace

  14. Ogni volta che si palesano quelli pro “valori tradizionali” noi poveracci a favore solo dei diritti di tutti e del rispetto delle altrui opinioni sentiamo immediatamente di essere meglio. Ciao.

    Mi piace

  15. “Ogni volta che si palesano quelli pro “valori tradizionali” noi poveracci a favore solo dei diritti di tutti e del rispetto delle altrui opinioni sentiamo immediatamente di essere meglio.”
    Alla faccia del rispetto nei confronti di chi ha idee diverse. Complimenti vivissimi.

    Mi piace

I commenti sono chiusi.