In che modo Marino avrebbe dovuto rendicontare le cene

Da tutta la vicenda di Marino, che ha sbagliato a rendicontare gli scontrini della cena, e di Renzi, che invece a Firenze aveva un accordo con il gestore per lasciare le cene ed i pranzi da pagare, è chiara una cosa.

Che Marino, fosse stato furbo, per restare sindaco non avrebbe dovuto chiedere il conto. Avrebbe dovuto, molto semplicemente, dire al ristoratore: “Non ti preoccupare, segna, poi eventualmente passa Matteo a saldare. “

Advertisements

6 pensieri su “In che modo Marino avrebbe dovuto rendicontare le cene

  1. Uhm. Mi suona come una mezza difesa prendendo il peggio e confrontandolo col pessimo…siamo talmente abituati a gente che ci fa pagare i barattoli di Nutella e le cene con le mignotte che in fondo in fondo ci pare persino un peccato veniale portare la moglie al ristorante e pagare con l’imu e la tasi e tutto il sudore degli italiani…Marino è un viscido. E se gli altri fanno peggio per me non significa che lui vada assolto. Semmai condannati gli altri….

    Mi piace

  2. Ha i suoi difetti, ma il principale era quello di dar fastidio a troppi, di essere eterodosso rispetto alla mentalità dominante in molti ambienti. Inevitabile che lo facessero fuori.

    Mi piace

  3. Io sono contenta che abbiano iniziato a fare i conti in tasca a quelli che di soldi ne guadagnano troppo e poi spendono persino quelli che andrebbero al Comune. Quindi che ben vengano questi controlli in tasca a Marino, a Renzi, a tutti, senza distinzioni. Perchè nessuno dovrebbe mai attingere alle tasche dello Stato per pagarsi le cene, i divertimenti e tutte quelle cose che sono personali. Quindi spero che questo sia un inizio di “pulizia” che porterà nelle casse dei comuni tutte quei soldi che finora son andati persi per strada “non si sa come e non si sa quando”.

    Mi piace

  4. è giusto fare il pelo e contropelo al sindaco, ma l’atac?
    un sindaco va via per gli scontrini? non perché ha fatto questo o non ha fatto quello…
    il comune di roma ha un bilancio di miliardi, un debito enorme… però forse il prossimo sindaco avrà una segretaria che gli terrà in ordine gli scontrini e non farà incazzare il vaticano

    Mi piace

I commenti sono chiusi.