Specifiche formazioni di idiozia

Io mi immagino la faccia sconvolta dalla rabbia e dalla frustrazione del bigotto che, dopo aver combattuto per mesi minacciando in parlamento, piangendo, strepitando, strappandosi i capelli, gridando al crollo della civiltà perché le convivenze non si chiamassero “matrimoni” ma “specifiche formazioni sociali” si troverà poi nella vita di tutti i giorni a dover chiarire agli altri che le due persone in oggetto formano una “specifica formazione sociale”:

“E cioè?”

“Be’ convivono.”

“Ah sono coinquilini?”

“No, convivono proprio!”

“Ah, sono come sposati, quindi!”

“Sì, cioè no, non è proprio così, ma…”

“Non ti preoccupare, ho capito, grazie!”

E a quel punto godetevi il singulto disperato del tizio, che si renderà conto, finalmente, di quanto è specificatamente idiota.

Annunci

6 pensieri su “Specifiche formazioni di idiozia

  1. Personalmente sono contrario a queste forme di matrimonio «surrogato», a mio avviso chi convive senza essere sposato gode della possibilità di sciogliere il legame senza gli obblighi di chi è sposato, quindi non mi pare giusto abbia gli stessi diritti. Meno obblighi, meno diritti, così penso sia giusto.

    Per la questione delle coppie gay, la soluzione è semplicissima: matrimonio civile possibile anche per loro, senza queste soluzioni rabberciate.

    Mi piace

  2. Cara collega Mariangela, noto nei tuoi post un alto grado di supponenza e di presunzione, visto che dappertutto vedi idioti e cretini: il cretino maschilista, il bigotto idiota ecc. Ma tu chi credi di essere, Einstein? Guarda che un po’ di modestia non ti farebbe male e ti farebbe apparire meno antilatica e acida, sia ai lettori del tuo blog che ai tuoi studenti.

    Mi piace

  3. Volevo dire antipatica, c’e’ un errore di battitura. Aggiungo qui che se esiste una cretineria maschilista, ne esiste certamente anche una femminista, e ne ho le prove.

    Mi piace

  4. @profrossi Aggiungere “idiota” a un “bigotto” è come aggiungere “candido” a “bianco”. Non c’è alcuna supponenza, è solo un rafforzativo: bigotto già comprenderebbe idiota per definizione, si tratta solo di esplicitare l’ovvio.

    E comunque, mettersi allo stesso livello di un bigotto capace di partorire le “specifiche formazioni sociali” non sarebbe modestia. Sarebbe scarsa, scarsissima stima di sé.

    Mi piace

  5. dare dell’idiota a chi ha opinioni diverse dalle tue, non è un brillante esempio di tolleranza, ma c’è da dire anche che uno nel suo blog privato ha diritto a scriver quel che crede e che, fatto apprezzabile, galatea lascia esprimere opinioni divergenti dalle sue

    poi è chiaro che uno scrive «pensando» al suo pubblico, e quindi cerca «quel» consenso, tutti lo facciamo

    Mi piace

I commenti sono chiusi.