Esempi di logica grillina

Quindi abbiamo perso, anzi no, non abbiamo perso, ci sono stati brogli. Come facciamo a dire senza prove che ci sono stati dei brogli? Be’, è evidente che devono esserci stati dei brogli, perché sennò era ovvio che avremmo vinto. Cioè, chi non la pensa così stupra la logica.

Chiaro, no?
(No, non lo metto il link. Figurati se gli regalo pure un link. Indovinate voi qual è la fonte. Non è difficile, dài.)

Advertisements

14 pensieri su “Esempi di logica grillina

  1. Qui siamo OLTRE la logica, questa è patafisica applicata riducendo a uno vale uno tot. mondi paralleli, dilatando le costanti parallele e e andando di brutto sulla Antani vien dal mare. Pare l’abbia pensata grazie al casco del potere con il quale si è fatto fotografare giorni addietro, questa sorta di corona dota a chi la porta smisurati poteri e logiche che noi umani non possiamo neppure immaginare. la usa sono in momenti importanti, tipo quando ha nominato la brioshwall, quando ha rotto il pc nei suoi spettacoli dicendo..e tante altre per noi pazzesche intuizioni che noi non comprendiamo essendo solamente dei normali umani. Lui è OLTRE, facciamocene una ragione!

    Mi piace

  2. Mah, la butto lì: il “reparto paranoici” di un qualche residuo non ancora lambito dalla Legge Basaglia?

    Mi piace

  3. “Lo spoglio e il voto elettronico sono invece un temibile inganno (vedere il caso USA descritto nel documentario Uccidete la Democrazia di Enrico Deaglio) ed ogni associazione di cittadini dovrebbe vigilare perché non venga attuato. Ogni sistema che interpone delle complicazioni non trasparenti nella fase di voto così come in quella di spoglio è sempre manipolabile e non facilmente controllabile. In pratica favorisce il broglio e contemporaneamente ostacola i meccanismi di controllo. Viceversa il sistema manuale, più laborioso, complica il meccanismo di broglio perché riguarda dati fisici (la scheda è materiale e non immateriale come nel voto elettronico) che per essere contraffatti devono essere spostati e modificati fisicamente. Un dato fisico può essere controllato da chiunque sia intenzionato seriamente ad attuare un controllo; un dato logico può essere controllato da pochissimi esperti e molto spesso neanche da loro se chi fa la contraffazione ha dei vantaggi logistici.”

    E ora chi lo spiega a Grillo e Casaleggio?

    Mi piace

  4. “Ogni sistema che interpone delle complicazioni non trasparenti nella fase di voto così come in quella di spoglio è sempre manipolabile e non facilmente controllabile” …. ma la democrazia liquida? ma la rete sovrana? ma la conta dei voti gestita in modo trasparentissssimo dalla Casaleggio associati?? Ma.. ma.. ma.. ma io boh! (cit. Simoncelli)

    Mi piace

  5. Esempi di logica pdellina e company:

    Assumi un tizio, e imponilo con prepotenza a capo di uno dei paesi più belli del mondo e dalle risorse immense (ideale per sciacalli senza scrupoli). Il tizio è un pregiudicato condannato in primo grado per danno erariale, una nota che non può mancare nel curriculum dei prestanome governativi. Ma lui è nnt a confronto del suo predecessore, e per questo cerca di farsi strada. Mette in vendita 100 auto blu (lasciandone in servizio decine di migliaia) promette promette e promette, scontando di 80 euro le tasse di poveri lavoratori. Come i protagonisti di un noto film sparaflasha milioni e milioni di italiani, che in poco tempo dimenticano i crimini compiuti dai prestanome per conto degli industriali. Nella loro testa adesso non c’è più traccia dello smebramento del MPS, delle indagini dei giudici che stanno mettendo alla luce emorragie di svariati miliardi di euro, del sistema politico-mafioso che gestisce l’expo, della tassazione che spinge al suicidio la gente…

    E’ dunque lecito pensare che il 40% è frutto di imbrogli elettorali? credo proprio di si.

    Comunque vada, quando sarete nonni (se già non lo siete) e i vostri nipoti vi chiederanno “Nonno perchè l’Italia si è ridotta così? perchè avete permesso tutto ciò?” voi siate onesti, assumetevi le vostre responsabilità e confessate tutto.

    Mi piace

  6. @close the door:
    pure io non ci ho capito una mazza, specie riguardo a dove sarebbero le risorse immense di questo paese.
    Ma forse è perchè guardo troppi siti porni.
    Stai bene.
    Inchino e baciamano alla Padrona di casa.
    Ghino La Ganga

    Mi piace

  7. @–>apollodoro82

    Quello che dici, a parte certe affermazioni un po’ azzardate (tipo “un paese … dalle risorse immense”) è tutto vero.
    Il problema non sta lì.
    Il problema è che i Grillo & Co. non hanno le qualità morali, né tanto meno le doti intellettuali e soprattutto neppure lontanamente quelle tecniche, ahimè, per potersi sostituire all’attuale classe dirigente.
    Grillo può andar bene per fare il lavoro sporco, per spaccare tutto, per distruggere l’esistente, ma poi bisogna essere scemi per pensare di potergli affidare le redini della cosa pubblica, considerate le immani cazzate che spara (tutto e il contrario di tutto).
    Sarebbe come mettere in mano a un bimbo di tre anni non vedente, un TIR da 32 tonnellate, carico di nitroglicerina, in una notte di nebbia senza luna, facendolo viaggiare contromano sul tratto Firenze-Roma dell’Autostrada del Sole.
    Ho reso l’idea?

    Mi piace

  8. Io voto il movimento ma non sono iniorante. Volio sapere quante scie ghimiche c’è nel grano saraceno con cui la Balilla fa la pasta che poi la mia mamma mi facesse col sugo. Tuti voi siete pidioti coi chip sotto la pelle che non capite niente. Ora lascio il PC quindi è non rispondete che non leggessi. Devo andare ammare ad avvistare le sirene che se poi io le havvisto Bepe lo scrive sul plog. 😀

    Mi piace

  9. @Apollodoro82

    “E’ dunque lecito pensare che il 40% è frutto di imbrogli elettorali? credo proprio di si.”
    Il tuo ragionamento non fa una piega, a parte che non c’entra assolutamente nulla con l’affermazione summenzionata.

    “Il tizio è un pregiudicato condannato in primo grado per danno erariale” già, Renzi è stato condannato ad una multa di 5000 euro per l’errato inquadramento di un dipendente comunale. Così tanto per fare un confronto “a caso” il tizio che comanda a bacchetta il Mo’vi mento è condannato in via definitiva per omicidio colposo plurimo, diffamazione (3 o 4 non ricordo) e sotto processo per i disordini No-Tav.
    Ah, ha anche fatto un bel condono sulla sua modesta casetta.
    Proprio un bel popò di figura ci fate eh, a tirar fuori la multa di Renzi!

    ps.nonni? hai solo 4 anni meno di me stando al tuo nick. Ah, già ma noi elettori convintamente non M5S siamo vecchi pensionati o scemi o mafiosi

    Mi piace

I commenti sono chiusi.