Il cristianesimo in metri quadri

Dalle ultime vicende appare chiaro che l’evoluzione del cristianesimo è anche un questione di metri quadri: è una religione cominciata con un fondatore che da morto si è dovuto far seppellire in un buco di tomba presa a prestito, ed attualmente tenuta in piedi da cardinali che abitano in appartamenti di 700metri quadrati.

7 pensieri su “Il cristianesimo in metri quadri

  1. Nei grandi spazi, i ninfetti hanno più luoghi dove nascondersi in caso di visite inaspettate.
    Secondo voi, soprattutto alla luce di questi fatti, siete convinti che quella gente creda veramente in ciò che predica, o piuttosto che siano loro i primi ad esser pienamente consci delle baggianate che vanno raccontando?

    Mi piace

  2. oh, be’
    secondo me i 700 mq non significano niente a proposito della religione, voglio dire: non è che uno crede o smette di credere se i mq sono 70 (come il papa) o 700 come bergoglio
    significano a proposito delle strutture della chiesa, dei meccanismi, delle persone anche
    significano tanto sull’opportunità di far pagare l’imu alla chiesa, come dovrebbe essere per tutte le religioni
    ma, insomma mi pare che fior di personalità di ogni genere abbia faticato a rinuciare a privilegi e prerogative (giornalisti, presidenti, prelati, militari, studenti, pensionati, magistrati): è molto scomodo infrangere le consuetudini come millanta euro di stipendio, auto o alloggio di servizio, pensione d’oro o amicizie altolocate…

    Mi piace

  3. 700 mq? Uguale uguale all’estensione della…..PORZIUNCOLA, così come è uguale la vita cardinalizia paragonata a quella dei francescani (minori o non che siano). Si, si…PROPRIO uguale.

    Mi piace

I commenti sono chiusi.