La mia prima lettrice, ovvero come gli amici sconfiggono la peggior paura di uno scrittore

20140410-203026.jpg
Questo post è di ringraziamento alla mia migliore amica, Anna. Che non è solo la mia migliore amica, ma è proprio in assoluto e in generale la migliore amica che chiunque possa mai avere, e per una di quelle incomprensibili ed inaspettate botte di culo che alle volte capitano nella vita è diventata proprio la migliore amica mia.
Si capisce che è la mia migliore amica, anzi la migliore amica che chiunque possa avere, perché, incurante del fatto che il mio libro sia ancora nel limbo dei libri, e cioè in quel confine incerto in cui non è ancora stampato, non è ancora nelle librerie e persino il titolo, “Didone, per esempio”, sia ancora un po’ provvisorio, be’, Anna non si è fatta scoraggiare, è andata in libreria e ne ha ordinato in anteprima una copia. Permettendomi così di poter sconfiggere il peggior incubo di uno scrittore. Perché ora, comunque vada e qualsiasi cosa succeda, nessuno mi potrà dire che sono un autore che non non è riuscito a vendere nemmeno una copia.
Una l’ho venduta.
Grazie, Annuccia, ti voglio bene.

Advertisements

11 pensieri su “La mia prima lettrice, ovvero come gli amici sconfiggono la peggior paura di uno scrittore

  1. Allora sono già tre copie: Anna Patrizia e “io”. Tre donne, per mantenere alta la statistica 😉
    Complimenti 🙂

    Mi piace

  2. A proposito. Se ordino Didone, per esempio e poi tu cambi il titolo il libraio si confonde e chissà cosa mi propina… Per favore, non farlo 😉

    Mi piace

  3. Potete ordinarlo con tranquillità. Il titolo provvisorio è una prassi e l’aggiornamento è in tempo reale. Buona lettura a tutte noi! (E grazie a Galatea della sua preziosa amicizia)

    Mi piace

  4. messaggio da libraia, il titolo a volte viene cambiato ma resta valido il codice ISBN che lega il libro alla persona che fa l’ordine

    auguri Galatea

    Nicoletta da Bologna

    Mi piace

I commenti sono chiusi.