Chi è in costume e chi no

Nel marasma della stazione di Venezia, in uno degli ultimi giorni di carnevale, tra capannelli di gheishe in kimono, supereroi assortiti, damine del ‘700, castellane del medioevo e frotte di altre donne del passato assortite, cavalieri, turchi con turbante e mustacchi, giannizzeri, sceicchi bianchi, pagliacci con capelli dai colori improbabili, una famigliola travestita da segnali stradali, mummie, vampiri, adolescenti pallidi vestiti da emo, o forse emo veri, capannelli di dark, Batman, Uomini Ragno, arcieri verdi, Robin Hood, bimbi vestiti da Zorro, turisti tedeschi di mezz’età vestiti da Zorro, spicca lui.
Che incede con il suo abito tirolese, un loden con sopra una mantellina di pelliccia che gli copre le spalle, e il suo cappello di feltro coordinato. Squadra il caos con sguardo glauco rigidamente austroungarico, si sistema il colletto della giacca di lana cotta chiusa da bottoni di metallo, poi tira fuori il tablet dalla valigetta e comincia a consultare le mail, con l’aria schifata di chi non si sa rassegnare a tutto quel caos mediterraneo carnascialesco.
Non lo capisce, e lo disprezza.
Mica è in costume. Lui.

8 pensieri su “Chi è in costume e chi no

  1. Un costume quotidiano, e non carnascialesco. Io sono austroungarico a metà, però mi piace osservare la felicità divertita del carnevale (a cui partecipavo, quando ne avevo ancora la voglia); il tocco snob che mi concedo è dato dal fastidio per la grande confusione, che mi disturba però anche in qualsiasi altra situazione.

    Mi piace

  2. Era l’austriaco ad essere stato più in costume di tutti, secondo me. Teniamo sempre presente che loro non sono mai… scostumati 🙂

    PS: bello quello “spicca lui” dopo la sfilza lunga di… abiti da ufficio

    Mi piace

  3. Il carnevale, un momento per divertirsi e tirare fuori abiti belli, sfarzosi, improponibili, divertenti…un momento di allegria. Divertiamoci a Carnevale!!!

    Mi piace

  4. concordo sull’odio per il carnevale. Non sopporto questo clima che annuncia la primavera, non sopporto questa mezza festa, non sopporto che la si faccia nel mio mese preferito. Preferisco Halloween, molto più grottesco e divertente.

    Mi piace

I commenti sono chiusi.