Come si allevano i veri ribelli (ovvero la didattica di Giovanardi)

Questa cosa che la figlia di Giovanardi, per ammissione del padre, si è fidanzata con un “rasta forse gay” m’ha fatto ricordare un vecchio consiglio di un anziano partigiano: «Noi siamo venuti su comunisti perché al potere c’erano i fascisti. Se volete figli veramente ribelli, li dovete far crescere dai più bigotti dei democristiani.»

Annunci

2 pensieri su “Come si allevano i veri ribelli (ovvero la didattica di Giovanardi)

  1. Ci vuole una certa dose di fanatismo, però, altrimenti lo spirito di contraddizione non si risveglia bene.
    In casa mia c’era molta politica, ma vissuta con un certo distacco e con l’idea che occorreva sempre guardare il maggior numero possibile di aspetti e di risvolti, senza fermarsi alle ideologie.
    Il risultato è che le mie idee politiche, anche negli anni più critici dell’adolescenza, sono SEMPRE state una perfetta fotocopia di quelle dei miei.
    Non è che lo spirito di contraddizione mi mancasse, ma… in quel campo non trovava appigli.

    Mi piace

I commenti sono chiusi.