Le logiche conseguenze di Marchionne

Ci sono dei momenti in cui ti fermi un attimo, rileggi una frase, perché ti coglie il sospetto che qualcosa nella logica del ragionamento non fili. O meglio, l’assunto magari è anche credibile, ma c’è qualcosa nel modo di tirare le conclusioni che non torna. Tipo che si è trascurato un dato fondamentale di cui non s’è tenuto conto, e quindi le conseguenze logiche vanno a farsi benedire.

Come quando Marchionne dice che è impossibile fare industria in Italia. E tu pensi che ha ragione. Ma ti viene da chiederti se non sia legato in qualche modo al fatto che a fare industria in Italia c’è lui.

Advertisements

6 pensieri su “Le logiche conseguenze di Marchionne

  1. Inizia anche ad essere ridicolo il suo continuo minacciare di andarsene dall’Italia. Poi alla fine è sempre qua. Forse perché fare industria in Italia a lui conviene?

    Mi piace

  2. Se l’industria che lui dirige avesse in passato pensato a far auto migliori, e non a vivere di sovvenzioni e/o finanza, magari darebbe pure titolato a parlare.
    La realtà e semplice: dopo averci rifilato Ritmo, Regate et similia per vent’anni, avere ucciso la Lancia e messo in ginocchio l’Alfa, per Fiat in Italia ci vorrebe una generazione per rifarsi la verginità e la credibilità di un tempo.
    Lo dico da uno la cui famiglia ha iniziato a viaggiare su auto Fiat ai tempi di Valletta, e dagli anni ’90 ha rinunciato per disperazione al “produttore nazionale”.

    Anonimo SQ

    Mi piace

I commenti sono chiusi.