Aiutiamo il povero Crimi

A questo punto, non so, penso che la rete se ne dovrebbe fare carico. Organizzare una raccolta fondi, un crowdsourcing, mettere a disposizione una paypall, taggarlo su Google maps. Insomma qualcosa.
Perché il povero Crimi, politico di nuova formazione, di quelli venuti su dal web con la democrazia diretta, che si perde perché quando deve andare a votare non trova il palazzo, fa tenerezza.
Per favore, aiutiamolo, con tutti i mezzi che le nuove tecnologie ci mettono a disposizione. O, non funzionassero, con quegli aiuti che con le nuove tecnologie non hanno niente a che fare, ma alle volte funzionano bene. Tipo una maestra di sostegno.

10 pensieri su “Aiutiamo il povero Crimi

  1. L’ha ribloggato su Ufficio Reclamie ha commentato:
    Io posso offrire un servizio di accompagnamento per parlamentari sperduti. Ovviamente a pagamento, lo fa passare come necessità e chiede il rimborso. Però voglio i contributi, così mi ridanno la disoccupazione quando rimane a casa dal suo mandato di parlamentare.

    Mi piace

  2. Che ha fatto, stavolta? Ma davvero pensiamo che i grillini siano peggiori degli altri parlamentari? A me non pare proprio.

    Mi piace

  3. Ma sì, occupiamoci pure di Crimi. Tanto, che vvòi che ssià? E che semo Pasquale noi? Mandiamo anche un po’ di musica a tono, maestro. Di Fiorelli e Valente, “Simmo ‘e Napule, paisà”

    Tarantella, facennoce ‘e cunte,
    nun vale cchiù a niente
    ‘o ppassato a penzá.

    Quanno nun ce stanno ‘e tramme,
    na carrozza è sempe pronta
    n’ata a ll’angolo sta giá.

    Caccia oje nénna ‘o crespo giallo,
    miette ‘a vesta cchiù carella,
    cu na rosa ‘int”e capille,
    saje che ‘mmidia ‘ncuoll’ a me.

    Tarantella, facènnoce ‘e cunte,
    nun vale cchiù a niente
    ‘o ppeccomme e ‘o ppecché.

    Basta ca ce sta ‘o sole,
    ca c’è rimasto ‘o mare,
    na nénna a core a core,
    na canzone pe’ cantá.

    Chi ha avuto, ha avuto, ha avuto,
    chi ha dato, ha dato, ha dato,
    scurdámmoce ‘o ppassato,
    simmo ‘e Napule paisá!.

    Tarantella, stu munno è na rota
    chi saglie ‘a sagliuta,
    chi sta pe’ cadé!

    Dice buono ‘o mutto antico
    ccá se scontano ‘e peccate,
    ogge a te…dimane a me!

    Io, nu poco fatto a vino,
    penzo ô mmale e penzo ô bbene,
    ma ‘sta vocca curallina
    cerca ‘a mia pe’ s”a vasá!

    Tarantella, si ‘o munno è na rota,
    pigliammo ‘o minuto
    che sta pe’ passá.

    Basta ca ce sta ‘o sole,
    ca c’è rimasto ‘o mare,
    na nénna a core a core,
    na canzone pe’ cantá.

    Chi ha avuto, ha avuto, ha avuto,
    chi ha dato, ha dato, ha dato,
    scurdámmoce ‘o ppassato,
    simmo ‘e Napule paisá!.

    Tarantella, ‘o cucchiere è n’amico,
    nun ‘ngarra cchiù ‘o vico
    addó mm’ha da purtá.

    Mo redenno e mo cantanno,
    s’è scurdato ‘o coprifuoco,
    vò’ surtanto cammená.

    Quanno sta a Santa Lucia,
    “Signurí’, – nce dice a nuje –
    ccá nce steva ‘a casa mia,
    só’ rimasto surtant’i’…”

    E chiagnenno, chiagnenno, s’avvía…
    ma po’, ‘a nustalgía,
    fa priesto a ferní.

    Basta ca ce sta ‘o sole,
    ca c’è rimasto ‘o mare,
    na nénna a core a core,
    na canzone pe’ cantá.

    Chi ha avuto, ha avuto, ha avuto,
    chi ha dato, ha dato, ha dato,
    scurdámmoce ‘o ppassato,
    simmo ‘e Napule paisá!.

    Basta ca ce sta ‘o sole,
    ca c’è rimasto ‘o mare,
    na nénna a core a core,
    na canzone pe’ cantá.

    Chi ha avuto, ha avuto, ha avuto,
    chi ha dato, ha dato, ha dato,
    scurdámmoce ‘o ppassato,
    simmo ‘e Napule paisá!

    P.S. @ Galatea
    E ora non venirmi a dire che sto offendendo qualcuno dei tuoi frequentatori.

    Mi piace

  4. Logorroico? Galatea, Galatea. Ma quello è il testo di una canzone e non è certo farina del mio sacco.
    Inutile? Inutile perché critico? Ho capito: qui quando non si canta a tono o si offende o si è inutili. Prendo atto, però, che nel secondo caso almeno non si viene cassati. Me ne compiaccio e confido che in futuro mi concederai sempre la pubblicazione in questo onorevole blog dei miei commenti “inutili” per “inutili” che siano.

    Mi piace

  5. @Topganz: Inutile perché non critichi nemmeno, parli a te stesso, immagino, ma non sono nemmeno così sicura che ti capisci. E pubblicare l’intero testo di una canzone (che non ha nessuna attinenza, per altro, e non costituisce neppure una citazione “spiritosa”) invece che condensare in un commento di qualche riga o saper almeno scegliere un verso significativo di quanto vuoi esprimere è sintomo di logorrea. Del resto, se fossi in grado di capirlo, non ci sarebbe nemmeno bisogno di fartelo notare. Ciao.

    Mi piace

  6. Ma su, dai, sì che hai capito. Hai capito e ri-capito benissimo. Fossi davvero tanto stupida da non capire nemmeno ti commenterei.

    Mi piace

I commenti sono chiusi.