Buoni motivi per essere fascisti

Il quartiere è un quartiere operaio, dove una volta ci stavano i ferrovieri e turnisti delle fabbriche di Porto Marghera, ed oggi ci stanno sempre loro, invecchiati ed andati in pensione, e stranieri di ogni razza e di ogni provenienza, con valanghe di bimbi piccoli al seguito, che scorrazzano in bici, monopattino o persino accrocchiati sui passeggini per ogni marciapiede, mentre mamme in sari o in chador conversano amabilmente con altre in jeans, provenienti dalla Cina o dall’Europa dell’Est.
È un quartiere tranquillo, fatto di vecchie case liberty assai decadute, palazzine scrostate degli anni’60, villini rimessi su un po’ come capita, da gente che, italiani o no, i lavori di casa li fa nelle ore in cui non sta in fabbrica, e allora ridipinge casa e taglia le erbacce in giardino.
Sulla pista ciclabile, il ragazzetto tatuato e con i capelli pieni di gel zigzaga a casaccio, come chi ha bevuto troppo o s’è fumato qualcosa. Poi quando arriva vicino alla fermata dell’autobus dove sosta un capannello di turisti e alcune mamme con bambini, comincia a gracchiare a squarciagola:”siamo fascisti e sempre lo saremo!” E tira fuori un avambraccio coperto di disegni maori dal gomito al polso per fare un saluto al Duce.
Nessuno lo fila. I turisti non capiscono, la mamma cinese e quella indiana manco alzano lo sguardo dai pargoli in passeggìno, i due operai dell’est che stanno rifacendo il selciato hanno troppo da fare.E lui zigzaga di nuovo sulla pista ciclabile cantando ancora: “Siamo fascisti e sempre lo saremo!”
Niente. Così, depresso per la mancata reazione, sbotta in un:” In cueo de to’ mare! Siamo fascisti e sempre lo saremo!” E si allontana zigzagando e gridando improperi a casaccio alle macchine in coda.
E il vecchietto italiano seduto alla fermata dell’auto su, che ha osservato tutta la scena con lo sguardo indifferente della mucca che guarda passare i treni, si volta verso di me e commenta, serafico:” E con quella testa de casso che’l se ritrova cosa altro el poteva esser, del resto?”

Annunci

17 pensieri su “Buoni motivi per essere fascisti

  1. @watking: scusa, l’ho postato dall’iPad che ha un correttore con un curioso senso delle parole: erano capelli pieni di gel e lui ha sostituito in jeans chissà per quale misterioso corto circuito…

    Mi piace

  2. Ho capito, Galatea, che probabilmente ci siamo già visti in Autobus, alquante volte…
    Lavorando a Venezia da 30 anni… e a Marghera ci sono nato, vicino a quella fermata, ai piedi del cavalcavia.

    Anonimo SQ

    Mi piace

  3. da sempre, chi si sente poco importante, poco stimato, reagisce così, difatti certi movimenti, a causa delle politiche di rigore (solo per taluni…), dilagano in europa

    ovviamente, la spiegazione sociopolitica non annulla il fatto che uno è scemo già di suo, «physis» dicevano i greci

    Mi piace

  4. Ah ah !!! Goduto tutto, la descrizione della Marghera in decadenza, della folla variopinta alla fermata del bus, del ragazzotto in bici… Mi ci sono ritrovata come in un vecchio film che conosco bene. E concordo con Daniele: standing ovation over and over, al vecchietto italiano!

    Mi piace

  5. Altra vittima del correttore (presumo) è la “fermata dell’autobus” che diventa “fermata dell’auto su”

    Mi piace

  6. ….scrivi molto bene Galatea, la tua prosa è fluida, le descrizioni realistiche rendono bene l’idea di ciò che descrivi, la lettura scorrevole e piacevole : perchè non scrivi che sò un romanzo e dei racconti, accidenti ! Mi stò letteralmente sforzando di leggere in parallelo sia Il Codice da Vinci , sia Inferno di Dan Brown ma trovo molta difficoltà, si legge male , non scorre . Poi leggo una tua descrizione qualsiasi e mi sembra di essere presente alla scena divertendomi tantissimo, complimenti !
    Sei una narratrice nata !
    Nelle librerie purtroppo gira una marea di immondizia. Largo a chi sà veramente scrivere e comunicare , cacchio !!!

    Mi piace

  7. ….mah, forse se mi regalano per sbaglio il testo in inglese lo faccio scorrere nella tazza del gabinetto ! Intanto cerco di digerirlo nel ben più modesto italiano ,Dan Brown ! O forse non è stato reso molto bene da chi l’ha tradotto ! Comunque sembrano storie inverosimili .

    Mi piace

  8. …ooops , non sapevo che Galatea fosse un personaggio notevole : scrittrice,giornalista, insegnante ed altro ancora !!!
    Che figuraccia ! Ecco perchè scrive in modo strepitoso !

    Mi piace

  9. Due (o tre?) giorni fa ho postato un commento, messo subito in attesa approvazione. Fin qui tutto normale, ovviamente, ma poi è sparito senza essere pubblicato, come succede ai commenti sgraditi. Il commento era solo un po’ sarcastico, tutto qui, nei confronti del primo commento di “ademorista”. Basta questo? Comincio, anzi devo credere che sia così, anche perché una volta postavo più spesso in questo blog, poi ho preso a farlo sempre meno, per il semplice fatto che ogni volta che ci ho riprovato mi è capitata esattamente la stessa cosa.
    Vabbè, credo che non mi resti altro che prenderne atto. Ciao, bella.

    Mi piace

  10. @Topganz: ti capita sempre la stessa cosa perché posti dei commenti che sono offensivi nei confronti di altri partecipanti alla discussione. E siccome questo blog è casa mia, sono disposta a tollerare chi insulta me, al limite, perché posso rispondere per le rime subito, ma mi infastidisco se si attaccano altri commentatori.
    Ciao, bello.

    Mi piace

  11. Lei – qui il tornare al lei mi pare d’obbigo, non crede? – forse confonde un po’. E la capisco anche, dato il gran lasso di tempo trascorso dal mio ultimo tentativo di commento, la cui non pubblicazione lei attribuì invece a dimenticanza o a malfunzionamento della piattaforma, niente affatto, comunque, al suo contenuto, polemico o meno che fosse.
    Ad ogni modo, se giudica indecente il mio ultimo commento e pertanto immeritevole della sua pubblicazione (a petto di altri qui nondimeno normalmente pubblicati), mi pare più che saggio ed opportuno non solo perché qui è casa sua – salutarmi come ha fatto lei e ricambiarle cordialmente il saluto, come faccio io.

    Mi piace

I commenti sono chiusi.