Zaia, la pioggia e i buchi neri

Il geniale governatore del Veneto, Luca Zaia, intende indire una crociata contro i siti meteo, colpevoli di diffondere previsioni che dicono che sul Veneto, di tanto in tanto, piove. Le loro previsioni sarebbero la causa del calo del turismo, perché la gente, leggendole, è conscia che rischia di prendere un acquazzone, e quindi decide di stare a casa. Zaia dunque intende obbligare i siti meteo ad oscurare il Veneto nelle loro cartine.
Ignoro come questo potrebbe incentivare il turismo: se già si spaventano, i possibili visitatori, per due gocce di pioggia, figuriamoci quanto saranno contenti di preventivare viaggi in una Regione che sulla cartina appare come un enorme buco nero.

Annunci

4 pensieri su “Zaia, la pioggia e i buchi neri

  1. Zaia, da bravo politico ITALIOTA, ripete quel che la sua base elettorale (tra cui vi sono senza dubbio tantissimi albergatori e altri operatori del turismo) gli ha ordinato di dire.
    Di per sé, l’uomo non ha colpa. E’ solo la perfetta espressione degli idioti che rappresenta.

    Mi piace

  2. Comunque sappiatelo, nel triveneto pianura la statistica pluridecennale dice un evento piovoso ogni 2.5/3 giorni, nel periodo estivo.
    Che poi può anche solo essere un temporale di un quarto d’ora, intendiamoci. Basta solo capire che non siamo in Puglia o Calabria, la nostra NON è un’estate mediterranea, siccitosa da maggio a settembre.
    Che a Zaia piaccia o no, qui siamo più simili all’ Europa che al mediterraneo, come clima.

    Anonimo SQ

    Mi piace

I commenti sono chiusi.