Quindi ora io aspetto

Son tutti qua che si affannano a fare analisi, a dar consigli su quello che si deve fare, su quello che si doveva fare e nonè stato fatto, su come uscire da questo caos.

Io no. Non ho consigli da dare, non ho idee e suggerimenti.

Sono una cittadina. Mi chiamate a votare, io vi voto. Se ho voglia, sennò no.

Stavolta ho votato.

Democraticamente accetto il responso che ne è venuto fuori.

Sono stati votati quelli che fino a ieri dicevano di avere delle idee strabilianti, applicabili subito. Che i soldi c’erano, solo che non li si voleva trovare, che tutto era colpa dei cattivi che stavano in Parlamento, che non ci raccontavano la verità su niente, dal bilancio dello Stato alle scie chimiche. Che si poteva abbassare le tasse, avere il rimborso dell’IMU, andare in pensione a 50 anni, uscire dall’Euro e dall’Europa, avere tutti un reddito di cittadinanza assicurato, nazionalizzare le banche, non pagare i debiti, fregarsene dello spread.

Bene, avete vinto. Siete lì al potere, adesso. Fatelo.

Non chiedetemi come, non chiedetemi aiuto. Avete detto che era tutto facile, fattibile, sapevate perfettamente come. Benissimo. Ora io vi guardo. Non sperate che vi dia una mano, non aspettatevi suggerimenti, non pretendete che io muova più un solo dito.

Mi avete sbertucciato dicendo che sono vecchia, in fondo corrotta e collusa con questo sistema perché facevo timidamente notare che le cose sono un po’ più complicate di così. Che ero scema perché credevo alla stampa di regime.

Adesso arrangiatevi voi, che siete più intelligenti, più sgamati, più onesti. Non voglio scuse e non accetto frigni, perché quelli che dicevano che era tutto semplice e gli altri cretini a non saperlo fare eravate voi.

Sono cazzi vostri, ora, insomma. Buona fortuna.

Annunci

44 pensieri su “Quindi ora io aspetto

  1. ma ovviamente diranno oggi che nessuno ha la maggioranza per poter approvare quanto detto! e che si rimanda al prossimo giro di ruota…
    al danno (nostro), la beffa (per tutti quelli che li hanno votati)

    Mi piace

  2. Figurarsi, diranno che per poter fare ciò che hanno promesso gli serve la maggioranza da soli. E alle prossime elezioni probabilmente gli italiani gliela daranno. Spero di poter dire presto “sono cazzi loro” perchè mi sono davvero rotto le ***** di questo paese e della sua gente “diversamente furba”

    Mi piace

  3. Onestamente gli unici soldi che ho visto partire sono 19 miliardi.
    Allora, siamo in 60 milioni. Aspetta. Prendo una calcolatrice…
    Sono 316€ a testa.
    Questa è la quota di MPS, che ogni italiano ha pagato per la banca del PD.
    Aspetta però tutti dovremmo pagare le tasse.
    Accidenti vuoi vedere che ho già regalato 400€ a quel perdente di Bersani o al suo amichetto scemo Renzi.
    Cavolo, avrei potuto spenderli in droga.
    Che soldi buttati!

    Mi piace

  4. albion: veramente sono mesi ed anni che mi chiedono di dare loro idee per i programmi, di partecipare alle primarie, e ora ricominceranno a dire che dobbiamo dare suggerimenti noi perché i parlamentari hanno bisogno del consulto degli elettori tramite la rete. Si vede che tu, Albion, vivi in un’altra realtà, probabilmente. O proprio non ti sei accorto di quanto accade in questa, più probabilmente.

    Mi piace

  5. @Armando
    A quel che so io MPS ha avuto 4,07 miliardi di prestito con i Tremonti bond + 2 miliardi di prestito dalla Banca d’Italia. Nota bene..PRESTITO, non regalo, e i tassi non sono per niente bassi. Quindi spiegami bene quando avresti sborsato quei famosi 316 euro. E poi cosa c’entra con la discussione? Secondo te i grillini sono in grado di governare? Si/No

    Mi piace

  6. Cari tutti,
    o siete così ricchi (all’estero) da poter vivere bene anche sulle macerie d’ Italia, o son tutti cazzi nostri, non loro.
    Buon 8 settembre, a tutti.

    Anonimo SQ

    Mi piace

  7. Credo che tentare un’alleanza, seppur difficile, fra il PD e il più grande partito della sinistra in Italia oggi, cioè il M5S, sia un dovere; altrimenti c’è il governo insieme al Cavaliere; purtroppo qualcosa deve accadere, ed io auspico la prima ipotesi.

    A Parma sono meno entusiasti di prima, però c’è da dire che in Sicilia i grillini stanno collaborando con serietà con la giunta di centrosinistra in alcune iniziative.

    Stiamo rischiando molto, come Italia, ma potrebbe alla fine di tutto, finire anche meno peggio del previsto.

    Mi piace

  8. vorrei farvi notare che in giro scorrazza ancora il caimano e renderlo inoffensivo sarà la priorità. per farlo non basterà certo il movimento5stelle. serve tutta la sinistra, che forse adesso sarà anche più motivata… sempre che non preferisca il caimano ai 5stelle, ovviamente.
    poi si potrà ritornare a litigar allegramente sul tav, sul reddito di cittadinanza e la truffa dell’ euro.

    Mi piace

  9. E’ una bella boutade. Che prescinde dal fatto che – elezioni e Costituzione alla mano – non è il M5S chiamato a provare a formare l’esecutivo. Ma bella boutade.

    Mi piace

  10. Non funziona così, funziona a seggi di coalizione: lo ha determinato una legge elettorale parlamentare debitamente sottoscritta. E a me non piace fare strame delle regole solo se mi danno scomodità.

    Mi piace

  11. -> Bene, avete vinto. Siete lì al potere, adesso. Fatelo.

    Concordo con ‘povna: non mi pare proprio che il M5S sia al potere. Il governo lo faranno altri, da come si prospettano le cose.

    Mi permetto inoltre rispettosamente di ribadire un concetto che ho già espresso alla PdCasa: la democrazia diretta che il M5S a parole propone ( con moltissime contraddizioni, e per di più ora vedremo i fatti) funziona in un modo alquanto diverso dalla democrazia rappresentativa: per questo motivo il discorso fatto in questo post non regge più di tanto.

    Mi piace

  12. Ah vedo che siamo già alle belle scuse. Non siamo al potere,il sistema rema contro… Ok, loro son parte del sistema. Han detto che sono i più bravi di tutti, e sapevano in che sistema si facevano eleggere. Cazzi loro se han promesso cose che con questo sistema non sono possibili. Lo sapevano.

    Mi piace

  13. Galatea, se vuoi fossilizzarti sugli ostacoli invece che vedere le opportunità ( e le priorità) sei libera di farlo, ovviamente.

    Ducunt volentem fata, nolentem trahunt. visto che non sono come giannino, non voglio far finta di conoscere il latino, l’ ho letta su “istruzioni per rendersi infelici” di watzlawick. mi sembra perfetta per l’ occasione.

    sì, sono sempre il solito maleducato naturalmente.

    Mi piace

  14. Innanzitutto si dovrebbe fare un po’ di autocritica. Alle primarie, l’ uomo da votare era Renzi, sempre che la priorità fosse (come lo è per me da anni) mandare a casa B.

    Si continua a darlo per finito, ma lui è sempre là (mi ricordo che, nei commenti di due o tre blog, qualcuno mi disse che mi preoccupavo di uno che ormai era morto politicamente. E infatti…). Dopodiché, bisogna dare a Cesare quel che è di Cesare
    e a Grillo quel che è di Grillo.

    Bene. La meravigliosa macchina democratica ha deciso: governerete anche voi dei cinque stelle. Perciò, basta coi vaffanculo, basta con gli strilloni. Avete la grande opportunità di far passare ciò che vi piace e di stoppare ciò che non vi piace. Siete l’ ago della bilancia.

    Perciò, come diceva l’ Uomo Ragno, da un grande potere derivano grandi responsabilità; non vi è più concesso prendervela con gli altri, sarete diretti responsabili, al pari del Pd e del Pdl, di qualunque decisione, giusta o sbagliata, che sarà presa in Parlamento.

    E’ arrivato il momento di rispondere alle domande. E’ arrivato il momento di costruire.

    Ora si balla davvero.

    In bocca al lupo.
    Vi servirà, fidatevi.

    Mi piace

  15. Non ci sono cazzi: il PD ha la maggioranza relativa alla camera, e PD+SEL quella assoluta, grazie al porcellum. Sempre grazie al Porcellum PD+SEL hanno la maggioranza relativa in senato ed il PD e` il primo partito.

    Bisogna vedere quello che combineranno Bersani e soci, sperando che non decidano di nuovo di allesarsi con PDL e Monti. Sempreche` i vertici PD non amino stare all’opposizione per dire Berlusconi Brutto, Grillo Brutto, noi bellizzimi….

    Ah ma parlavi del M5S? LOL

    Mi piace

  16. ->”Ah vedo che siamo già alle belle scuse. Non siamo al potere,il sistema rema contro…”

    Egregia Galatea, mi dispiace che lei sia così nervosa.
    L’incarico di governo non verrà assegnato al M5S e questo è un dato di fatto, cito da Repubblica: “Il centrosinistra peggio delle attese, ma ottiene il premio alla Camera: avrà il 55% dei seggi”.
    Perchè il M5S dovrebbe, da un punto di vista legale, essere messo all’incarico di formare un governo?
    Non voglio qui difendere il suddetto movimento, e non ho mai detto che il sistema rema contro: dico solo che non ci sono i presupposti legali per farlo.
    Poi personalmente non sono nè un fan di Grillo nè del M5S, ma sono gli unici che da anni pongono questioni cruciali che altri non nominano neanche: la sostenibilità ambientale, lo strapotere della finanza, l’assurdità di spendere venticinque miliardi di euro (mezza manovra economica) per la TAV o quasi altrettanti per gli F35, tra le altre cose.
    Se Lei preferisce chi ha sostenuto Monti, che son gli stessi che anni prima han votato la legge Biagi, e che han fatto le deroghe per l’Ilva carcinogenica, etc etc etc…beh, insomma…forse farebbe meglio a ripensarci.
    Buona notte,

    Scialuppe

    Mi piace

  17. MI spiace Galatea, ma il tuo post ha poco senso. E non per il suo contenuto, ma perchè è rivolto ad una maggioranza inesistente. Tu ti rivolgi in realà a quel crogiolo indistinto di forze politiche ed elettori accomunati dal fatto di aver votato diversamente da te. Queste forze politiche sono tra loro diverse e anzi opposte. Cosa aspetti, dunque? Se Berlusconi o Grillo avessero la maggioranza per governare, d’accordo. Ma così non è. E allora questo post per me è un abbaiare alla luna. Senza polemica 🙂

    Mi piace

  18. Suvvia, questo post è un comprensibile sfogo post gara, e poco importa se è giustificato, logico, oppure no.
    Pure io, che non credo all’esistenza di Dio, ho i momenti in cui tiro giù una bestemmia.

    Mi piace

  19. @paperoga: no, io ne ho semplicemente piene la balle di partiti che prima mi chiedono di dar loro idee per il programma perché non ne hanno di loro, poi mi chiedono di votare emeriti sconosciuti che si presentano come geni in grado di risolvere in due minuti tutti i problemi e ora cominciano già a frignare che è più complicato di come pensavano e così non si può. Hai voluto la bicicletta? Arrangiati.

    Mi piace

  20. Non ho votato M5S, ma per Rc, sperando di poter avere all’opposizione anche un’altra voce e almeno qualcuno che sappia già come prendere il caffè alla buvette della Camera (con questo intendo qualcuno che non sia completamente fuori dagli schemi della politica, la conosca e sappia indirizzare un minimo). Non è andata bene, ma non sono dispiaciuto per il successo dei Cinque Stelle, che tra l’altro era ampiamente prevedibile. E’ una ventata di aria fresca dopo vent’anni di ristagno. Sono contento del fatto che Bersani abbia finalmente preso atto che la stragrande maggioranza degli italiani voglia cambiare, forse non sapendo nemmeno come, ma cambiare. Insomma, non sono così pessimista.
    Non condivido il tuo post, perché trovo che le posizioni di gran parte di chi ha votato Grillo (non parlo dei militanti, parlo dei votanti) non siano troppo distanti da quanti hanno votato Pd sperando in qualcosa di serio. Trovo che in questo caso dire cazzi vostri sia profondamente sbagliato, e non riconoscere una matrice comune, anche minima, nei due schieramenti (sempre intendendo gli elettori). Voglio dire, non ha vinto la Lega.
    Saluti.

    Mi piace

  21. Alcuni miei amici militanti del PD, fino a ieri accanitamente pro-Bersani, stamattina al bar mi hanno sinceramente confessato che sono veramente pentiti di non aver appoggiato Renzi e che con Renzi avrebbero sicuramente vinto.

    Mi piace

  22. “con Renzi avrebbero sicuramente vinto.”

    Per sconfiggere le tigri chiami gli Ashmallim, ma gli Ashmallim sono peggio delle tigri!

    Cos’è che conta di più, sconfiggere Berlusconi e Grillo, o avere una politica di sinistra? Già adesso il PD è un partito neoliberista, con Renzi sarebbe diventato turboliberista all’americana. Ancora più precariato, ancora più deregolamentazione ambientale…è tutto nel suo programma. Ma è questo che volete? O siete talmente presi dall’ossessione del Berlusca che qualsiasi cosa è meglio di lui? Se è così, mi pare che siete caduti in pieno nella trappola del leaderismo.

    Mi permetto di segnalare:
    http://www.notav.info/post/e-un-voto-notav/

    Mi piace

  23. @ lector:

    a te che – come me – hai un’età, posso confessarlo: se valcareggi avesse messo rivera dall’inizio nel ’70 secondo me avrebbe perso lo stesso.

    (cazzo, erano 43 anni che lo volevo di’…!)

    😀

    Mi piace

  24. Non credo che Renzi avrebbe vinto, caro Lector; gli elettori italiani sono tendenzialmente statici, votano sempre per lo stesso schieramento, praticamente dalla nascita e la differenza la fa solo l’astensionismo.

    Ricordiamoci bene che il PCI di Berlinguer, grande partito con grande presenza sul territorio e un leader di prestigio non arrivò comunque oltre il 32%.

    Se non fosse per via del Cavaliere, se ci fosse una destra «normale», in un paese normale dopo un pareggio si fa una Große Koalition, per il semplice motivo che se è un pareggio, i due contendenti debbono insieme governare; purtroppo in italia la situazione è molto particolare a causa della natura del leader della destra.

    Mi piace

  25. Non sono mai stato un granché come vate. Tuttavia, prendetela come una boutade, sono abbastanza d’accordo con i miei amici del PD.
    A mio modestissimo avviso, Renzi avrebbe permesso di catalizzare una bella fetta degli scontenti confluiti in Grillo, nonché di quegli elettori del centro destra che hanno votato Berlusconi turandosi in naso (quelli che si vergognano di dire che votano PdL alle intenzioni di voto, per intenderci).
    Bersani è pure simpatico, ma si porta dietro una tale aria da vecchiume e da politburo tenuto nel retro bottega della Coop, che mette una tristezza addosso …

    Mi piace

  26. @Galatea
    Per una volta tanto sono d` accordo con Galatea.
    Non tanto nel prendersela con Grillo, quanto nel dire che adesso il M5S deve provare agli italiani quello che vale.
    Il fatto di fare polemica alle volte sterile, il tempo per queste cose e` finito.
    Adesso vedremo il M5S alla prova per quello che vale.
    Anche io, aspetto.

    Gigi

    Mi piace

I commenti sono chiusi.