Diplomi politici

Quindi, alla fine, come al solito è una questione di piccoli particolari differenti: c’è chi è poco fine e si compra una laurea finta a Tirana, e chi è più fine e si inventa un master a Chicago.

Ma, a conti fatti, finirà che dovremmo chiedere scusa alla Minetti. Che bene o male, anche se solo da igienista dentale, almeno un diploma ce l’aveva davvero.

Advertisements

7 pensieri su “Diplomi politici

  1. In Germania stroncano le carriere non solo a chi plagia ma anche a chi fuffa la tesi di dottorato (la Schavan ha incluso materiale altrui in quantità tollerabile, si è solo “dimenticata” di indicare le fonti in modo appropriato). In Italia, invece…

    Mi piace

  2. A me Giannino sarebbe a pelle simpatico (strano, no ? ma sono un istintivo), salvo che avendolo ascoltato per anni ricordo che proponeva di fare come e meglio di Cameron per sistemare il bilancio pubblico, licenziando in tronco *almeno* 800 000 statali, in tutti i settori.
    Perchè oggi non lo dice più ?

    Anonimo SQ

    Mi piace

  3. è un peccato, questa vischiosa faccenda; il giannino che si ritira faciliterà la già probabile vittoria del cavaliere

    Mi piace

I commenti sono chiusi.