L’ingratitudine verso il ragionier Spinelli

Concordo con Ghino, quando dice che il povero ragionier Spinelli dovrebbe essere fatto santo, per la pazienza con cui da anni fa fronte alle richieste più assurde, da parte di sedicenti nipoti di Mubarak, igieniste dentali che han fatto carriera politica, veline, letterine e olgettine che sperano di farla, escort in semisbaracco che l’han già fatta ma sognano di concluderla in gloria, Leli Mora e Ghedini di passaggio, Emili Fede che spuntano qua e là, Ministre, onorevoli, parlamentari, api regine che si dicono incinte, show girl, cantanti, attrici, ballerine, e in più padri, fratelli, cuginj, amanti, mariti, compagni e fidanzati più o meno ufficiali di tutto questo pittoresco gineceo, e infine persino banditi con scarpe milaniste e chiavette USB zeppe registrazioni su De Benedetti che capitano in casa sequestrando, minacciando o pietendo anche loro una regalia o un’elemosina.
Fatelo santo, il povero Spinelli, ché se lo merita.
Anche per l’ingratitudine del suo Principale, che è manifesta, a questo punto. Perché il mafioso Mangano disse, almeno, che era un eroe, e per il povero Spinelli manco un fiato, un riconoscimento, una parola.
Del resto è ragioniere, Spinelli. Come Fantozzi.

Advertisements

9 pensieri su “L’ingratitudine verso il ragionier Spinelli

  1. E ancora non gli è andata male. Pensate a Carlo Marinell, che era più o meno il ragionier Spinelli di Mussolini e finì fucilato a Verona…
    Comunque, questa storia sembra sceneggiata dagli autori di Elisa di Rivombroso, tanto è assurda!

    Mi piace

  2. Nella storia scritta da Corrias abbiamo un Presidente i cui affari contabili privati sono gestiti da un ragioniere che viene sequestrato da quattro persone che vogliono ottenere “giustizia” dal suo datore di lavoro… ma in effetti la scheda dello spettacolo teatrale non rende (io ho letto il libro tratto dalla sceneggiatura), non me n’ero resa conto.

    Mi piace

  3. per fran5es5a:
    boh. riesco a malapena ad aprire una parte di quel casino di sito nomato “la fonderia”; peraltro, appena letto il nome di Pino Corrias, m’è venuto da scappare a gambe levate. Stai bene e cerca di frequentar di meglio, ragazza (?) mia
    Ghino La Ganga

    per Galatea:
    osta, il link! Grassie grassie, inchino inchino, baciamano baciamano ( tutto doppio).
    😀
    Ghino la Ganga

    Mi piace

I commenti sono chiusi.