Il compito dei prof di lettere e il senso dei quattordicenni per la cultura umanistica (una risposta polemica a Marco Lodoli)

Non dite che vi trascuro, è solo che in questi giorni mi vengono da scrivere tanti post sulla scuola, e quindi li posto di .

Buona lettura.

Annunci

10 pensieri su “Il compito dei prof di lettere e il senso dei quattordicenni per la cultura umanistica (una risposta polemica a Marco Lodoli)

  1. Bello e commovente. Però una breve risposta (d’incoraggiamento) a Sofia95 era dovuta. Il tuo target sono quelli come lei, non chi oramai è sull’altro crinale della vita.

    Mi piace

  2. è un ottimo cmpendio di cosa vuol dire fare l’insegnante e la scuola non è una entità astratta ma si regge sulle spalle dei tanti insegnanti che hanno passione per il futuro, perché insegnare significa costruirlo, per tutti.

    Mi piace

  3. “la teoria della Relatività di Einstein può essere considerata lo sviluppo di una intuizione neoplatonica di Plotino” => potrei avere qualche ragguaglio in proposito? le equazioni le maneggio abbastanza bene, ma il rapporto con Plotino mi manca al 100%.

    Mi piace

  4. Commento qui perchè non mi va di registrarmi sul sito de l’Espresso. Ho fatto l’insegnante per tre anni in medie e liceo, e quest’anno ho un part-time in una professionale regionale, difficilissima. Basterebbe una sola frase a far capire che Marco Lodoli non ha capito niente dei ragazzi con cui ha a che fare: l’acusa di non conoscere Bob Dylan. I ragazzi hanno una cultura musicale vastissima, chi pensa che ascoltino solo le hit del momento non li conosce. E nella mia esperienza ho scoperto una cosa incredibile ai più: i metallari sono quasi tutti appassionati di musica classica. Li raggiunge attraverso Beethoven, considerato come il primo metallaro della storia.
    Avrei molto altro da dire, ma oggi sono in fase pigrizia e chiudo qui.

    Mi piace

  5. di là è triste, torna qui galatea

    secondo me certi parlano dei ragazzi per sentito dire, come quelli che pubblicano le ricette sui blog ma in realtà non le hanno mai cucinate

    Mi piace

  6. Grazie per il tuo bell’articolo, in cui mi ritrovo perfettamente. Anch’io insegno in un liceo scientifico di provincia e i ragazzi si appassionano alla letteratura, anche a quella latina, magari un po’ meno se devono tradurre e far fatica. Ho anche imparato che spesso non leggono, ma perchè nessuno glielo insegna. Io ho una classe di lettori appassionati che mi chiedono sempre elenchi di libri.

    Mi piace

I commenti sono chiusi.