I facili entusiasmi per il genio dei nativi digitali

La nonna informaticamente avanzata è in estasi. Sono due ore che al bar sta martirizzando le orecchie di tutti quelli che le capitano a tiro dicendo che il nipotino di quattro anni è un genio, un vero genio, praticamente la reincarnazione di Steve Jobs buonanima, perché a quella tenera età prende il suo Ipad (della nonna, intendo) e sa navigare in internet.

Colpita da tale meraviglia, butto un’occhiata distratta al bimbo, che a dire il vero, per come lo conosco e dati e cromosomi ereditati dalla nonna, non mi è mai sembrato questo prodigio di velocità. Infatti il pupo ha fra le mani sì l’iPad, lo tiene sulle ginocchia, e ogni tanto, con il ditino, fa partire toccandola la connessione ad internet, perché quella parte di suo appena sfiorata; ma poi sta lì a guardare la schermata imbambolato, e dopo un paio di minuti di assorta e perplessa osservazione, preme il tasto sotto e chiude tutto, per dopo riaprila e rifare di nuovo tutta ‘sta manfrina qualche attimo dopo.

Mentre la nonna continua a magnificare estasiata le doti del nipotino, sottolineando come ‘sti nativi digitali siano proprio una nuova generazione rispetto a noi, a me viene da ridere, perché sarebbe da farle notare che quello che fa il nipotino lo sa fare anche una scimmietta, e non è tanto diverso dall’accendere la tv avendo memorizzato il tasto sul telecomando, mentre navigare in internet o usare un iPad son qualcosa di un po’ diverso, e per essere un nativo digitale prodigioso bisogna saper fare un po’ di più, a  quattro anni, che aver capito che se sfioro lo schermo succede qualcosa.

Ma è così meravigliosamente orgogliosa, la nonna, del suo piccolo Bill Gates in erba e così convinta che ad 11 anni sarà già al Mit, che mi sto zitta, e guardo il piccolo, perplesso, mentre apre per l’ennesima volta la finestra di internet e la fissa imbambolato, senza sapere che farsene.

Annunci

4 pensieri su “I facili entusiasmi per il genio dei nativi digitali

  1. Ma infatti potevi dirglielo alla nonna, che sei molto più brava tu ad usare l’ipad che non il suo nipotino di 4 anni. E senza nemmeno essere nativa digitale! Sarebbe stata una bella soddisfazione.

    Mi piace

  2. Poco per essere prodigioso, a qualunque età.
    Ma, a proposito di età, un bimbo di 4 anni che gioca con l’i-Pad e con internet mi fa venire i vermi. Togliergli di mano l’aggeggio e incoraggiarlo (o al peggio, spedirlo) a fare altro no, eh?

    Mi piace

I commenti sono chiusi.