Grillo, Anonymous e la grande confusione sotto il cielo

Quindi Anonymous attacca il sito di Beppe Grillo, poi Grillo dice che non è Anonynous che l’ha attaccato e chiede alla rete di dirgli chi sia l’Anonynous anonimo che l’ha attaccato fingendosi Anonymous, il che però presuppone che Grillo sappia chi è il vero Anonymus, il quale però è un movimento basato sul fatto che tutti sono Anonymous, un po’ come tutti sono il Movimento 5 stelle, che però è un marchio di Grillo, quindi forse Grillo pensa, ragionando per analogia con la sua esperienza personale, che da qualche parte, sul Web, ci sia qualcuno che ha la proprietà del marchio di Anonymous, o forse sa chi è, o forse non lo sa e non ci capisce niente nemmeno più lui, perché è rimasto troppo intronato dal fatto che ha trovato qualcuno ancora più populista di lui nell’usare il web.

E l’unica cosa che ti viene da commentare in tutto questo è che quando scrisse “grande è la confusione sotto il cielo”, Mao forse l’aveva imbroccata giusta, e pensare che non conosceva nemmeno Grillo e Anonymous, per dire.

7 pensieri su “Grillo, Anonymous e la grande confusione sotto il cielo

  1. Nessuno obbliga la gente a guardare il sito di Grillo.
    A differenza di Casini e Barsani a cui pago (pagavo) lo stipendio anche se non volevo, a Grillo non pago niente se non voglio.
    Lui offre e chi vuole si accomoda.
    Si chiama libero mercato, belezze, ed e` cosi` che dovrebbe funzionare.
    (a me di quello che dice Grillo me ne importa fino ad un certo punto, poco direi)

    Gigi

    Mi piace

  2. Accanto ad alcune cazzate, Anonymous ha detto una cosa parecchio giusta sul M5S. Perchè gli stranieri non possono iscrivervisi? È un fatto grave su cui bisognerebbe porre attenzione. E lo dico non da persona ostile, ma da persona che del M5S considera positivamente parecchie cose: prima fra tutte il tentativo di mettere in piedi un sistema di democrazia diretta (che cozza con il personalismo del paterfamilias ma questo è ancora un altro discorso, se pure a mio parere molto meno grave della questione stranieri).

    Mi piace

  3. Due punti:
    1) non conosco molto il problema stranieri,a se non sono cittadini italiani perche` dovrebbero poter votare?
    2) Grillo parla parla di democrazia diretta, ma non mette su il sistema per farla. I Pirati invece non parlano e fanno (io sto collaborando)

    Gigi

    Mi piace

  4. Fantastico post 😀
    Io ho idea che Grillo non abbia idea di come funzionino certe cose sul web. Anche quando parla di providers e fattori tecnici, lui non se ne intende proprio. Potrebbe tranquillamente leggere un copione scritto da Casaleggio. Il fatto di aver chiamato “Lui” ad Anonymous. “Non è stato lui”, la dice davvero lunga.

    Mi piace

I commenti sono chiusi.