Brindisi e la logica del gomblotto

Siccome quando è scoppiata la bomba a Brindisi, avevano già deciso che doveva essere la mafia, anzi no la Sacra Corona, anzi no i servizi segreti che tentavano di destabilizzare addossando la colpa al terrorismo internazionale e gli anarchici, c’era un complotto, perché gli inquirenti, invece, si muovevano su altre piste, cercando qualcuno, un pazzo isolato, che non aveva a che fare né col terrorismo né con la criminalità organizzata, e chi diceva che forse avevano ragione gli inquirenti, perché parecchie cose nell’ipotesi strage terroristica/mafiosa non tornavano, era un ingenuo o uno che faceva parte del complotto, magari a sua insaputa.

Ora che alla fine hanno arrestato uno che è davvero un pazzo isolato e non c’entra nulla con la criminalità organizzata, né col terrorismo, né con i servizi segreti deviati, c’è un complotto, perché è chiaro che l’hanno arrestato per coprire i veri colpevoli, e lui avrà confessato chissà perché, probabilmente perché è uno del complotto, e chi crede alla confessione è un ingenuo, oppure uno che fa parte del complotto pure lui.

La logica del complotto è meravigliosa perché non ha punti deboli.

Advertisements

4 pensieri su “Brindisi e la logica del gomblotto

  1. Io continuo ad essere convinto che il vero mandante sia il papa.
    Scusate, ma la mia idiosincrasia è un diritto e, in Italia, criticare i diritti di ciascuno – fossero anche quelli delle formiche migratrici nane della Patagonia – non è politicamente corretto.

    Mi piace

  2. Mah, io continuo a vedere del grigio nella vicenda. Mi sa che qualche complicato ce l’ha. Basterebbe almeno che non coprisse qualcuno (sono ipotesi dichiarate dagli inquirenti).
    Comunque un personaggio dalla vita interessante. Commerciante di carburanti, appassionato di esplosivi ma molto religioso (se ho capito), proprietari di yacht sontuoso (quanto pagava di tasse, tanto per dire ?).

    Anonimo SQ

    Mi piace

  3. Hai dimenticato la convincente ipotesi del terrorismo Islamico, che ha colpito la scuola frequentata da donne…
    (che poi, a pensarci bene, era convincente anche perché hanno colpito a Brindisi,nome che evoca eccessi alcolici, con le relative depravazioni occidentali)

    Mi piace

I commenti sono chiusi.