Privatizziamo il terremoto

Pare che in Emilia alcuni imprenditori costringano i loro operai a firmare una liberatoria con cui li sollevano da responsabilità nel caso i capannoni crollino per un terremoto e gli operai restino sotto le macerie.

Sono sempre avanti gli imprenditori emiliani. Hanno in pratica privatizzato il terremoto.

Advertisements

5 pensieri su “Privatizziamo il terremoto

  1. Che bello: quando si dice l’iniziativa.
    Viva il liberalismo: libera volpe in libero pollaio !!!!

    Il vs liberale e liberista (alla Oscar Giannino)

    Anonimo SQ

    Mi piace

  2. A prescindere dal fatto che tale “liberatoria” e` perfettamente inutile in quanto le responsabilita` sono e rimangono dell` imprenditore.
    Sarebbe necessario sapere come gli imprenditori “costringerebbero” gli operai a firmare (una pistola alla testa?).
    A me, se mi chiedessero a firmare un contratto del genere cambierei lavoro dopo due minuti, il tempo per insultare gravemente la moralita` della mamma dell` imprenditore medesimo.

    Gigi

    Mi piace

  3. ha ragione il frap, non ha senso

    io credo sia anche il frutto di un equivoco, forse la protezione civile o chi per esso ha emanato un provvedimento provvisorio di agibilità che è stato sottoposto, e quindi controfirmato, dai dipendenti

    o forse è andata diversamente, ma sarebbe demenziale, se non fosse così

    Mi piace

I commenti sono chiusi.