Addio

E poi, alla fine, ti mancano le parole.
(1934-2012)

Annunci

76 pensieri su “Addio

  1. È proprio così, alla fine non ci sono più parole. Solo un grande dolore e un senso di smarrimento.
    Proprio stasera tornando a casa in auto con mio padre, guardando la luna piena sopra di noi, mi sono concentrata per vivere fortissimamente il momento.
    Non ci sono parole.

    Mi piace

  2. Lettore assiduo ma silenzioso del tuo blog, rompo il silenzio per dirti che ti sono vicino, con affetto.

    Mi piace

  3. Il mio ci lasciò la vigilia di ferragosto di tanti anni fa, il tuo ha scelto la vigilia di Pasqua. Forse lo hanno fatto per facilitarci il ricordo…
    So come ci si sente, condoglianze.

    Mi piace

  4. Come ti capiamo. A noi è successo la notte del terremoto dell’Abruzzo, e dopo una notte di agonia spaventosa. Era la mamma di Patrizia. Ed era nata nello stesso anno. Un Lunedì della settimana di Pasqua. Anche la mia se ne andò (ma eravamo nell’87) intorno a Pasqua. Mio padre nel lontano 63 la settimana di Natale. Un abbraccio forte, forte da me e dalla Moglie Migliore del Mondo.

    Mi piace

  5. Lui c’è ancora.
    Lui è ancora più forte.

    ….
    Ti lascio le parole che mi scrisse un amico quando se ne andò la mia mamma. Io ne ho fatto una delle mie frasi guida. Spero che aiuti anche te come aiutò me in quel momento. Un abbraccio gigantesco.

    Mi piace

  6. Hold On !
    Purtroppo prima o poi ci passiamo tutti, ma speriamo sempre che non accada.
    Io ero molto piccolo quando persi mio padre, ma riesco ancora a ricordarmi bene com’era.
    Questo devi fare, ricordarti com’era.
    Sii forte. 🙂

    Mi piace

  7. Il vuoto della sua presenza, sarà riempito dal pieno del suo ricordo.
    Così bilancio l’assenza di mia madre e di mio padre.
    Li ho con me, discrete presenze.

    Mi piace

  8. … e forse è il Silenzio l’unica cosa che aiuta, annodare pensieri e sentimenti per legarsi stretti alla vita. E non sentirsi soli… Condoglianze

    Mi piace

  9. so quel che si prova, un grande freddo dentro

    e una parte di te muore, muore davvero e per sempre

    l’unica tristimma consolazione è pensare che è sempre più giusto che un figlio veda morire il padre che non il contrario

    mi associo al cordoglio di tutti gli altri numerosi lettori di queste pagine

    Mi piace

  10. non c’è molto che si possa dire, ognuno ha un modo suo. A me mio padre manca ancora, dopo vent’anni (non è consolatorio, ma è vero).
    Un sorriso.

    Mi piace

  11. E’ dura, lo so. Questi distacchi fanno sanguinare dentro, ma la vita prosegue e tu sei coraggiosa e ostinata. Ce la farai.
    Un abbraccio.

    Mi piace

  12. E’ dura, lo so. Questi distacchi fanno sanguinare dentro, ma la vita prosegue e piano piano si torna a respirare. Ce la farai.
    Un abbraccio.

    Mi piace

  13. Scrivo solo per fare sincere condoglianze a te e chi è investito da questo dolore, quanto alle parole, non servono, sono inutili, come a volte ci si sente quando si è di fronte all’impotenza della vita.

    Mi piace

  14. Non capisco questa policy di wordpress, comunque riscrivo semmai non fosse arrivata.

    Scrivo solo per fare sincere condoglianze a te e chi è investito da questo dolore, quanto alle parole, non servono, sono inutili, come a volte ci si sente quando si è di fronte all’impotenza della vita.

    Mi piace

  15. Purtroppo arrivano, inesorabili, i momenti in cui il dolore e le lacrime rubano lo spazio alle parole, poi pian piano la vita, gli affetti e il tempo aiuteranno a ritrovare la serenità……..un bacio
    Attilio

    Mi piace

  16. Un abbraccio forte, so cosa vuol dire… il tempo medica il dolore forte, la mancanza si sentirà sempre, e Dio solo sa come vorrei fosse qui adesso a consigliarmi, in questo momento particolarmente difficile.

    Mi piace

I commenti sono chiusi.