La stupidità che salva la vita

I periodi in cui la vita è triste capitano, e non ci puoi fare granché. Ti arrivano addosso come un treno in corsa, di quelli che non subiscono ritardi, e non c’è mai neppure un attivista NoTav sul loro tragitto, che li rallenti e li blocchi. Siccome non puoi fare niente per evitarli, te li prendi in pieno: ti lasci ben bene maciullare mentre ti passano sopra, pensando che almeno stanno passando sopra, appunto, e quindi prima o poi, come tutte le cose che passano, se ne andranno pure via.

E intanto, per ingannare quel tempo che sembra durare in eterno, fai cose stupide, che più stupide non si può: leggi poco, pochissimo, e cose che non hanno dentro un briciolo di contenuto né di ambizione, se non quella di farti passare due ore; scorri febbrile le timeline dei Social Network, perché ti diverte pensare che quella vita fatta di cose futili (contrattempi, amori improvvisi, baruffe con i colleghi, gossip fra scrivanie in ufficio) che non hai più tu almeno ce l’hanno ancora gli altri, e se ne lamentano ; e poi compri cose inutili, rossetti, ombretti, smalti per unghie, matite per occhi, guardi i programmi in cui ti insegnano come ci si trucca e provi a truccarti davanti allo specchio pure tu, mettendo tutto assieme, tutto in una volta, mentre sotto suona una canzoncina stupida stupida, di quelle che fan da colonna sonora a Striscia, e tu, mentre ti spargi sorridendo il blush sulle guance (perché hai scoperto che ora il fard si chiama così, blush, e bisogna spargerlo sulle guance fingendo di sorridere), accenni pure ad una mossettina di danza, più stupida ancora.

E mentre fai tutte queste cose stupide stupide, che in altri momenti ti saresti vergognata solo a pensare, capisci che in fondo la stupidità sopravvive in virtù della sempiterna legge della selezione naturale di Darwin: perché, in certi periodi tristi, essere un pochino stupida, o saperlo diventare, è quello che ti salva la vita.

Advertisements

13 pensieri su “La stupidità che salva la vita

  1. essendo molto triste ultimamente cerchero’ di seguire il tuo consiglio, essere stupidi solleva l’animo almeno temporaneamente? o ci si illude per un po’, per prendere respiro…

    Mi piace

  2. Sono in una di queste fasi ed è vero…sto cercando cose stupide per aspettare che “passi anche questa”…..però da qui passo lo stesso……

    Mi piace

  3. Io l’ho sempre pensato, gli stupidi in molte occasioni, vivono meglio. Sono più felici, stano più tranquilli e hanno meno preoccupazioni. Alcune volte sinceramente ammiro le persone che hanno questa capacità: concentrarsi su cose stupide, almeno per un po’, e evadersi dei propri pensieri. Non voglio essere stupida ma voglio imparare a fare la stupida ogni tanto. Buon week end.
    Sara Marchetti

    Mi piace

  4. ho sempre pensato che i blog sono grandiosi.
    farò un figurone ..bacerò una guancia e (facendo la faccia da intenditore) certo che questo blush è molto meglio del vecchio fard….

    complimenti …leggerezza e ironia ..è quello che ci vuole …
    tornerò a leggerti …anzi…

    ciao
    Mauri

    Mi piace

  5. Guardi Clio Make Up, eh? Anche io, in questo periodo in cui sì, aspetto che il treno passi. E anche io sono rimasta colpita da quella cosa del blush ex fard, e mi sono detta che se va applicato sorridendo forse una volta applicato darà l’idea che io sorrida molto. Infatti sto pensando di comprare ben due blush (uno rosa e uno pesca, hai visto mai) e un pennello apposito. E mi sento stupida, ma un pochino più leggera. E in questo momento ci vuole. Ciao.

    Mi piace

I commenti sono chiusi.