Sport estremi del giornalismo italiano

Oggi ho il giorno libero e per provare il brivido dell’imprevisto potrei dedicarmi a qualche sport estremo. Tipo trovare un senso ai titoli de Il Giornale.

16 pensieri su “Sport estremi del giornalismo italiano

  1. Mi vedo costretto a spezzare una (e solo una) lanca in favore del Giornale.
    Se lo Spiegel ha realmente scritto che cose tipo la Concordia son dovute al fatto che non siamo una razza, si meritanio risposte dello stesso tenore.

    Mi piace

  2. @Norbert Il problema non è se loro si meritassero di ricevere una risposta di questo genere, è che noi non meritavamo di scendere a questo livello per darla… 😦

    Come ha dimostrato “qualcuno”, è facile dare del Kapo a tutti i tedeschi che non ci piacciono… ma prima di accettare una gara a chi scende più in basso, bisognerebbe ricordarsi che non ha vincitori.

    Mi piace

  3. be mi sembra che l’analisi del giornale in questo contesto sia leggittima,vorrei vedere le altre testate come hanno reagito al proposito, personalmente IL Giornale non piace ma……….

    Mi piace

  4. Sono d’accordo con Hacksaw – in più il pezzo in questione è apparso in una rubrica di satira di Der Spiegel (su S.P.O.N. (Spiegel OnLine, redazione diversa da quella del giornale su carta) in “Der schwarze Kanal”) e contiene un elenco di luoghi comuni anche su tedeschi, inglesi e francesi…
    Pertanto non solo una prima pagina di questo genere risulta inopportuna ma sarebbe stato meglio che Sallusti avesse letto l’articolo originale…..

    Mi piace

  5. Mi vedo costretto ad infilare una lancia su per il culo a Norbert… per il semplice fatto che il Giornaletto della famiglia merdusconi ha inventato, manipolato e stravolto le notizie come al solito.

    Secondo me si perde solo tempo a commentare le stronzate de Il Giornale… meglio dedicarsi ad attivita’ piu’ produttive.

    Mi piace

  6. Il Giornale dovrebbe anche ricordarsi che nella faccenda “Hitler” gli italiani non e’ che sian del tutto estranei…

    Mi piace

  7. Due appunti.
    Il primo è la gravissima mancanza di precauzioni
    Non si può parlare di sport così estremi come quello di trovare un significato intelleggibile nelle parole de Il Giornale e non avvertire i ragazzi che “è pericoloso e che non devono rifarlo a casa”.
    Secondo
    Perchè noi italiani parliamo sempre dell’Olocausto come se L’Italia fosse stata una nazione neutrale?
    Qualche tempo fa parlavo dei bombardamenti su Milano durante la guerra con un amico e lui si arrabbiava “con questi tedeschi nazisti che buttavano le bombe sulle città”. Sai la faccia quando gli ho rivelato che le bombe erano inglesi e americane? Altro che Memoria.

    Mi piace

  8. Mi vedo costretto a spezzare una lancia in favore dello Spiegel.
    Io avrei evitato la parola “razza”, ma che gli italiani, con qualche eccezione, tendano ad essere dei codardi e` un fatto risaputo e noto praticamente ovunque.
    Io girando il mondo me ne sono accorto di questa nomea che gli italiani hanno.
    Penso che Schettino sia solo una conferma.

    Gigi

    Mi piace

  9. Sallusti è un uomo con il quale mi vergogno di condividere il genoma.
    Quanto alle colpe nazionali è meglio che ognuno si gratti le sue croste. Noi italiani non ci siamo fatti mancare niente: dalle leggi razziali, ai campi di sterminio in Dalmazia dove i prigionieri non avevano neppure da bere, alle foibe delle quali siamo stati noi i primi a servirci, e che gli jugoslavi ci hanno copiato. Tra l’ altro qualcuno sa che molto probabilmente sono più gli infoibati antifascisti e jugoslavi che quelli Italiani? E vogliamo dimenticarci la guerra d’ Etiopia con i gas e gli stermini di donne e bambini? I bombardamenti con bombe incendiarie e le fucilazioni nella guerra di Spagna?
    Pensiamo ai danni che abbiamo fatto e alla trave nel nostro occhio nazionale.
    Siamo stati corresponsabili della Shoah, meditiamoci un po’. E zitti!

    p.s. ho usato il termine collettivo jugoslavi solo per semplificare.

    Mi piace

  10. scusate eh forse qui entra in gioco il mio seppur minimo nazionalismo, ma i tedeschi, i tedeschi che ostacolano la ripresa dell’italia con quella testa di rapa dell’ Angela, che hanno sempre causato guerre e stermini, che si sono macchiati di abominevoli crimini, che nella storia non hanno fatto altro che tentare di conquistare il mondo con a capo un muratore ebreo e certamente squilibrato, che hanno sempre avuto mire espansionistiche più o meno verso ogni paese intorno a loro con anche solo 4 persone, che vengano a dare a noi dei razzisti….l’italia avrà tutti i suoi difetti, tutte le sue scappatelle, ma io piuttosto che andare a vivere in Germania, sinceramente, vado in Botswana.

    Mi piace

  11. @Guido
    E non dimentichiamo che abbiamo basi americane in Italia e che siamo state une delle poche nazioni che hanno tenuto su le braghe agli americani quando sono andati a invadere l` Iraq

    @Greta
    Non far piangere, per favore..

    Gigi

    Mi piace

  12. A parte tutto, questi equivoci sono interessanti perché permettono di verificare quel che ognuno di noi pensa veramente, abbandonata l’usuale ipocrisia di rito, dato che apparentemente gli è fornito finalmente il pretesto per esprimersi.
    Come la storiella dei due amici che si incontrano e uno fa all’altro: “Sai, mi sono separato ….” L’amico non gli consente di continuare e, interrompendolo proprio a metà della frase, comincia ad inveire pesantemente nei confronti della presunta ex-moglie del suo interlocutore. “Hai fatto benissimo, quella era una puttana, un troione. Non te l’ho mai detto, ma andava con tutti a tua insaputa. Quella zoccola, pensa che ci ha provato persino con me, il tuo migliore amico”. Dacché l’altro: “Ti stavo dicendo che mi sono separato … dal mio socio in affari”.
    Parabéns para vocês.

    Mi piace

I commenti sono chiusi.