Cupido strabico

E’ che a me piacciono gli uomini complicati.

Ma gli uomini complicati, alla fine, scelgono le donne semplici.

Annunci

16 pensieri su “Cupido strabico

  1. Invece le donne complicate vogliono essere tenute costantemente sveglie, e vorrebbero uomini complicati.
    Come te.
    E come me. Una volta.
    Poi ho trovato un uomo poco complicato (non semplice, poco complicato) che ha reso anche me (all’interno della relazione) poco complicata.
    E da allora non voglio altro.

    Mi piace

  2. tra i miei amici circola una regola non scritta. che son tutte “buone”.
    grasse, magre, alte, piccole,more,bionde,intelligenti,oche, suore e puttane. c’ è solo una categoria che si evita come la peste. son quelle donne che al primo appuntamento cominciano con “sai, io son complicata. nessuno mi capisce” .
    ecco, quel tipo di donna al secondo appuntamento non c’ arriva mai.

    perchè le donne non seguono la stessa strategia così smettono di soffrire?
    è forse possibile che gli uomini “complicati” vengano confusi con gli uomini “non mi frega un cazzo”?

    Mi piace

  3. Gli uomini “non mi frega un cazzo” son di solito quelli che metti una volta sola, saggiamente,e poi cestini.

    Mi piace

  4. Non riesco proprio a capire cosa ci sia di complicato in un bullone che accede ad un dado. Proprio perché si tratta d’una cosa semplicissima, molte donne s’inventano mille miliardi di motivi per giustificare la loro ostinata ed altrimenti immotivata avversione a che accada quanto la natura ha disposto che debba accadere (e poi passano le giornate, i mesi, gli anni a crogiolarsi nella loro infelicità).

    Mi piace

  5. forse siamo stati un pò maschilisti nei commenti (anche il mio amico l’ottimo papibull)

    in fondo lo schema uomo/semplice, donna/complicata è molto filtrato da un certo «vedere maschile»

    comunque, questo è un luogo dove si scrive per giocoso ironizzare, ed è bello così

    Mi piace

  6. Dunque, ti andrebbe di venire da me per vedere la mia collezione di manoscritti originali di Baruch Spinoza e discutere dell’evoluzione dell’eroe negativo da Mimnermo a Jim Morrison sorseggiando un blanc de blanc pas dosè millesimato del 1964?
    Ciao
    Ruzino

    Mi piace

  7. scherzi a parte, non scorderò mai ai tempi del liceo la super borghesotta, tutta perfettina, da 8 e mezzo in in tutte le materie che si faceva “torturare” sentimentalmente dal bulletto bestemmiatore e consumatore di cannabis “da competizione”… ma giustamente aveva una vita assai “complicata”, quindi era da capire.

    e molto più tardi, la mia cara amica innamorata dell’ altro mio amico, gay dichiarato? che con la testardaggine degna solo di uno spartano in battaglia, era convintissima che con la sua personalità “cattura uomini” sarebbe riuscita a conquistarlo, prima o poi? vabbè, qualcuno le “grane” se le cerca proprio.

    due casi che poi rientrano nei classici clichè : il “bello(che a volte è pure brutto) dannato” e “io ti cambierò, nonostante tutto”.

    Mi piace

  8. Lui: “Sono alto un metro e un fagiolo, quando mi siedo la pancia mi fa da tavolo dove posso appoggiare libri o bicchieri, con un occhio guardo la finestra con un altro cucino, ho il pisello della stessa estensione dei testicoli, con il mio alito del risveglio mattutino potresti costruire le bombe al fosforo, però dentro di me ci sono tante contraddizioni, a partire da quella che un giorno ti onoro come una regina e il giorno dopo non ti cago per niente. Ora facciamo sesso?”

    Mi piace

I commenti sono chiusi.