i segreti di wikileaks

In realtà i documenti di wikileaks non parlano affatto male dell’Italia. Ogni volta che ne viene fatto il nome, al massimo, accanto c’è scritto: “Ahahahaha!”

Nei dossier segreti di wikileaks i diplomatici americani raccontavano dei festini sfrenati del presidente Berlusconi. Il segreto, quindi, consiste nel fatto che nelle ambasciate americane alla mattina si compra Repubblica.

Imbarazzo con la Francia. Su Sarkozy si dice: “Il re è nudo”. Figuriamoci cosa dicevano di Topolanek.

Wikileaks annuncia la pubblicazione di migliaia di dossier. E neanche uno su una casa a Montecarlo.

Annunci

6 pensieri su “i segreti di wikileaks

  1. Ormai per quanto ci riguarda lo sputtanamento è pubblico e planetario, l’unica cosa che potrebbe sorprendermi e se dicessero che è inaffidabile perchè alle feste di palazzo Giuliani le lumimarie sono barre di plutonio, ecco il perché del ritorno al nucleare, gli manca la materia prima per la festa in piscina.

    Sarebbero interessanti altri Paesi invece, come la Turchia o l’Inghilterra.

    Mi piace

  2. dal Guardian

    Italian prime minister Silvio Berlusconi was “feckless, vain, and ineffective as a modern European leader”, according to Elizabeth Dibble, US charge d’ affaires in Rome. Another report from Rome recorded the view that he was a “physically and politically weak” leader whose “frequent late nights and penchant for partying hard mean he does not get sufficient rest”.

    Mi sa che c’ è da divertirsi…

    Mi piace

  3. Altre rivelazioni clamorose da Wikileaks:
    Gheddafi usa il botox, Berlusconi la dolce Euchessina. La Merkel soffre di flatulenza e Sarkozy russa. Karzai è gay. Ora si capisce lo sfoggio di guardaroba.

    Mi piace

  4. Beh la cosa che emerge da questa vicenda è che i politici sono veramente dei bugiardi e dei cialtroni. Il popolo sa bene che questi dietro le quinte ne combinano di tutti i colori e i files trafugati al pentagono lo confermano. Berlusconi dice sempre che lui è un grande diplomatico e che nello scacchiere mondiale è considerato un grande leader. A me pare che la considerazione del nostro ( anzi vostro ) premier non vada oltre una simpatica macchietta da teatro.

    Mi piace

I commenti sono chiusi.