Alunni a Nordest

“Prof, ma lei crede in Dio?”

“No.”

“Ah. Allora è musulmana?”

Annunci

23 pensieri su “Alunni a Nordest

  1. Ma sì… atei, musulmani, gay… tutti uguali, tutti diversi che si meriterebbero di stare tutti insieme nello stesso campo di concentramento secondo il popolino nordestino leghista

    Mi piace

  2. No,ragazzo. Sei tu che sei ignorante. E forse anche stupido,cosa alla quale non posso rimediare. Ora esci,vai dal preside,e mentre torni qua con lui spiegagli quanto poco studi.
    (non ho bisogno di chiarire a Sua Signoria chi avrebbe reagito così,no? Inchino e baciamano.
    ;-D
    Ghino La Ganga)

    Mi piace

  3. @ventopiumoso: terza media. Stavo facendo supplenza in una classe non mia.
    @vitainpillole: non è solo questione di stereotipi. Credo che davvero fosse la prima volta che si trovavano di fronte ad una persona che non si proclamasse cattolica, ma atea e lo dicesse a voce alta. La domanda meravigliosa è stata: “ma lei è nata atea?”. Poveretti, stavano cercando di capire un fenomeno per loro sconosciuto.

    Mi piace

  4. @paolo: guarda che per loro quesllo sarebbe stato meno scioccante. Se fossi ebrea, capirebbero che non posso essere cristiana, lo riterrebero accettabile. l’idea di fondo è che uno può non essere cristiano, ma deve in ogni caso avere una sua religione. E’ proprio l’atea che li ha sconvolti. Non capiscono che uno può anche rinunciare alla religione cattolica senza doversi necessariamente iscrivere ad un “altro” club.

    Mi piace

  5. l’agnosticismo non è una posizione reale… è solo un “ateismo politically correct”…
    Cioè, invece di mandarli a cagare, come meriterebbero, ti limiti a dissentire…
    :mrgreen.

    Mi piace

  6. Ok, allora io sono più sveglia! Questo è stato il commento di mia figlia, perfettamente coetanea dello scolaro in questione.

    Mi piace

  7. Pingback: Alunni a Nordest (via Il nuovo mondo di Galatea) | Ai margini

I commenti sono chiusi.